Angel Gomes giovane talento inglese Manchester United
Angel Gomes giovane talento inglese Manchester United

L’europa dei giovani: il mondo del calcio muta e cambia colori all’insegna dei nuovi talenti che stanno affollando questo sport. Muovendoci di poco dalle coste olandesi, ci immergiamo nell’atmosfera di Manchester, per osservare più da vicino uno degli astri nascenti del calcio inglese.

Partiamo proprio dal cuore dell’isola inglese, in cui diversi club si stanno tessendo sotto banco diversi movimenti e operazioni di mercato che fanno rimarcano una nuova ascesa del movimento giovanile dell’Inghilterra, che sembra aver deciso di invertire il trend degli ultimi anni. Ed è il Manchester United, come è solito essere, a dare lo scossone più indelebile:

Risultati immagini per angel gomesAngel Gomes, classe 2000, nasce proprio a Londra, nel cuore culturale ed economico di un’Inghilterra sempre più al centro di un progetto di rivalutazione di giovani promesse. Il talento inglese inizia la sua esperienza agonistica vestendo la maglia del Manchester United, che non si è fatto scappare l’occasione di mettere le mani su un vero e proprio gioiello. Un metro e settanta, di mestiere fa il trequartista. Velocità e tecnica lo contraddistinguono, ma soprattutto una visione di gioco che ha saputo sviluppare con estrema precocità. La sua arma in più sono i continui inserimenti senza palla, riuscendo a non fornire quasi mai agli avversari un punto di riferimento fisso ed accompagnando molto bene la squadra in entrambe le fasi di gioco.

La sua esperienza in Nazionale, oltretutto, inizia quasi da subito: convocato con l’Under 16 nel 2015 in cui parteciperà a 9 gare mettendo a segno 2 gol; l’anno successivo si sposta in Under 17, dove in 12 partite aumenterà il suo ratio portandosi a 5 reti segnate. Nella Premier League Under 18, il giovane talento londinese ha segnato 12 gol e confezionato 6 assist in 20 partite disputate, valorizzando al massimo il suo talento in progressione e sotto porta.

Considerato una delle migliori promesse del calcio inglese, Angel Gomes riesce a mostrare le sue qualità offensive anche durante l’arco di diverse stagioni passate a guadare i ”grandi” dalla panchina e a lavorare in allenamento. Negli ultimi anni, soprattutto, riesce a sviluppare il suo talento in velocità, caratteristica che gli ha permesso di potersi esprimere in più di una gara anche da ala sinistra ed ala destra all’occorrenza. Con il Manchester United Under 18 e Under 19, Angel Gomes mette a referto 15 gol e 7 assist in 23 partite: numeri che dipingono con più nitidezza il cristallino talento del giocatore inglese.

Questa stagione, di conseguenza, lo sta vedendo protagonista soprattutto in Youth League, la succursale della Champions League per i giovani, nella quale il giovane talento inglese ha partecipato a tre partite ufficiali, lasciando il segno con 2 gol e 1 assist. La crescita esponenziale del giovane talento di Londra è caratterizzata da una dedizione totale, nella quale Angel Gomes si ritrova in perfetta armonia, e nella quale sta crescendo nel migliore dei modi.

L’inizio turbolento di stagione per il Manchester United può e deve far ben sperare Gomes, che ambisce ad un posto da titolare in una partita ufficiale di Premier League, che potrebbe sancire definitivamente il percorso del giovane come protagonista del calcio europeo.

 

Niccolò Inturrisi

CONDIVIDI
Articolo precedenteOltre i confini dell’Unversità degli studi di Salerno: Open Borders
Articolo successivoDe Magistris, i social network e il popolo in lotta

Nasce il 26 febbraio 1995 a Firenze, dopo aver terminato gli studi liceali nel 2015 lascia l’Italia e si trasferisce con la famiglia in Olanda, ad Amsterdam. Ora continua a lavorare come magazziniere in attesa di intraprendere gli studi. Il libro che lo ha colpito più di tutti è stato “La bestia umana” di Zola. Se proprio gli chiedessero di scegliere un autore preferito, opterebbe però per Dostoevskij. Coltiva molte altre passioni, tra cui la musica, nella quale si è cimentato per qualche anno suonando chitarra elettrica e basso. Ascolta tutti i generi possibili e il suo gruppo preferito in Italia restano gli Zen Circus, anche se adora De Andrè e Lucio Dalla (ma ne potrebbe citare molti altri), ma il suo primo amore rimangono i Pink Floyd. Grazie alla famiglia si porta dietro praticamente da tutta la vita la passione per il cinema. Adora Fellini e Monicelli, ma non disdegna anche registi esteri come Lynch, Scorsese e Tarantino.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here