il derby Roma - Lazio

Tredicesima giornata di campionato. Si ripropone il derby capitolino, ma questa volta sarà senza Francesco Totti, capitano della Roma dal 1998 al 2017.

Il derby capitolino è il doppio appuntamento calcistico per i tifosi della Lazio e della Roma da circa novanta anni. Ce ne sono davvero tantissime da raccontare sulle curiosità, sulle sfide, sui campioni che si sono trovati avversari nella sfida stracittadina più calda di sempre, ma, per rendere omaggio ad uno dei più grandi calciatori italiani di sempre, ripercorreremo alcuni tra i derby capitolini giocati da “er pupone” dall’inizio della sua carriera fino al suo termine festeggiato con commozione proprio quest’anno.

Per i tifosi della Roma sarà un derby molto particolare. A differenza della Lazio in cui si sono comunque avvicendati grandi campioni, nella Roma i tifosi avevano, fino all’anno scorso una sorta di “capopopolo”, una garanzia di spettacolo e di attaccamento alla maglia. Ricordiamo, infatti, che Francesco Totti nella sua carriera ha vestito sempre e soltanto la casacca giallorossa, il che gli è valso un unanime riconoscimento, a tutti i livelli, di forte attaccamento ai colori della propria città rinunciando anche ad offerte faraoniche provenienti da diversi club europei. Nelle ultime gare disputate in Europa il numero 10 ha sempre ottenuto standing ovation di ammirazione e stima.

Quello di oggi è il 149° derby in campionato. Quelli relativi alle coppe fanno salire il numero a circa 170. Il primo goal di Francesco Totti nel derby è quello che permise alla Roma di riagguantare un insperato pareggio – i giallorossi erano in svantaggio di due reti – in un rocambolesco 3-3 segnato su assist di Del Vecchio. Il secondo goal era stato segnato alcuni minuti prima da Di Francesco. Gara senz’altro emozionante, come molto emozionanti sono stati diversi derby nel corso degli anni. Come non ricordare la mitica corsa di Carletto Mazzone sotto la Sud per festeggiare un netto 3-0 nel 1994. Le reti furono di Balbo, Cappioli e Fonseca (quest’ultimo prelevato proprio quell’anno dal Napoli).

Altro 3-0 storico, ma stavolta a vantaggio della Lazio è quello del 2006. Memorabile fu il tuffo nel Tevere di Delio Rossi per mantenere una promessa fatta in caso di vittoria, poi giunta con i goal di Ledesma, Oddo e Mutarelli.

Sono davvero tantissimi gli episodi legati al derby, come i messaggi di sfida dei presidenti. Proprio a causa di un arrogante pronostico di Cragnotti, la vittoria della Roma con un netto 5-1 l’11 marzo del 2002, fu vissuta con particolare soddisfazione da parte di calciatori e tifosi giallorossi. In quell’occasione Francesco Totti, dopo il goal, mise in evidenza la maglietta con la scritta “6 unica”, lanciando di fatto una consuetudine di sfottò con messaggi (ricordate “vi ho purgato ancora”?) e gesti simpatici con le telecamere presenti a bordo campo ed anche con un memorabile selfie al cellulare che si scattò dopo una rete, sotto la curva Sud.

Francesco Totti mentre si scatta un selfie sotto la curva

Il derby di questa giornata non avrà più Totti come protagonista, ma sia Lazio che Roma ci arrivano con interessanti prospettive per questo campionato. La Roma conferma la sua voglia di lottare per il titolo, anche se è qualche punto dietro la vetta. La Lazio sta disputando un ottimo campionato e mira chiaramente a conquistare un posto in Champions League.

Le probabili formazioni potrebbero essere queste:

La Roma con Alisson; Kolarov, Fazio, Manolas, Florenzi; Strootman, De Rossi, Nainggolan; Perotti, Dzeko, El Sharaawy.

La Lazio con Strakosha; Radu, De Vrij, Bastos; Lulic, Milinkovic-Savic, Lucas Leiva, Parolo, Marusic; Luis Alberto, Immobile.

Il derby Roma-Lazio ha sempre regalato belle pagine di sport non solo per i tifosi capitolini. Quest’anno avrà una stella in meno.

Salvatore Annona

CONDIVIDI
Articolo precedenteIn arrivo le agevolazioni fiscali per ristrutturare casa. Addio alle crepe nei muri
Articolo successivoFacebook Spaces, Zuckerberg apre alla realtà virtuale

Nato a Napoli nel 1975 vi ho vissuto fino ad oggi, senza mai emigrare. Dopo il diploma di geometra, ho conseguito la Laurea in Ingegneria Civile nel 2005 con tesi in Ingegneria Sismica. Ho una splendida famiglia con moglie e due splendidi figli. Attualmente esercito la libera professione e sono membro della Commissione Manutenzione e Recupero degli Edifici Industriali presso L’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli.
Curioso sin dalla nascita, ho coltivato diverse passioni come la lettura e la grafica digitale.
Amo immensamente la musica e lo sport (in particolare il calcio ed il tennis).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here