Facebook Spaces, Zuckerberg apre alla realtà virtuale

Nel corso della conferenza F8 il creatore del noto social network Facebook, Mark Zuckerberg, ha presentato Facebook Spaces, il primo social network basato sulla realtà virtuale.

Questa nuova e innovativa piattaforma è stata sviluppata grazie alla tecnologia di Oculus Rift, acquistata da Facebook per 2 milioni di euro, e con la collaborazione di Rachel Rubin Franklin, ex Executive Producer di The Sims 4 ora a capo della Social VR del social di Menlo Park.

Spaces è scaricabile in versione beta e funziona grazie alla tecnologia virtuale e all’intelligenza artificiale. Il social consente ai propri utenti di creare avatar a propria immagine e somiglianza e di interagire tra loro in spazi virtuali scambiandosi immagini, foto e video.

Creare il proprio avatar è facilissimo: per farlo basterà selezionare una foto personale dal proprio smartphone che, grazie all’intelligenza artificiale, verrà trasformata in un personaggio simile a noi. Nel caso il proprio avatar non fosse gradito è possibile apportargli qualche modifica.

Spaces si basa sull’account Facebook degli utenti e in base alle informazioni condivise e alle proprie preferenze li trasporta in mondi virtuali a loro graditi. Ad esempio se uno degli iscritti a Spaces ama il mare è molto probabile che venga trasportato su una spiaggia e nel caso avesse un animale domestico anche il suo fidato amico sarà a disposizione dell’avatar.

Tra le funzioni di Spaces spiccano la possibilità di incontrare i propri amici presenti sul social in mondi virtuali, effettuare telefonate e videochiamate, disegnare oggetti e scattarsi selfie attraverso la stickcam. Rispetto al tradizionale Facebook, quindi, è stato prediletto l’utilizzo di altre forme di comunicazione anzichè quella visiva e scritta in modo da rendere l’interazione più piacevole.

Al momento il social è disponibile solo per utenti Oculusma si spera che presto lo sia anche per chi utilizza altre piattaforme virtuali come HTC Vive e Playstation VRLa vera speranza degli sviluppatori è che grazie a Spaces le persone riescano a superare le distanze fisiche e a interagire facilmente tra loro nonostante esse.

Eugenio Fiorentino

CONDIVIDI
Articolo precedenteChe derby sarà senza Francesco Totti
Articolo successivoThe Process is now: Joel Embiid è (finalmente) atterrato nella NBA

Eugenio Fiorentino, nato il 3/2/1992 a Napoli, dove ho sempre vissuto.
Ho frequentato le scuole presso l’istituto Suore Bethlemite ed ho poi conseguito la licenza liceale presso il X Liceo Scientifico Statale, Elio Vittorini. Sempre promosso a pieni voti. Nel 2010 mi sono iscritto all’istituto Suor Orsola Benincasa, alla facoltà Scienze delle Comunicazioni, conseguendo i primi esami fino al settembre 2011, data in cui a causa di un gravissimo incidente subito ho interrotto gli studi. Dopo un lungo periodo riabilitativo, che tutt’ora sto sostenendo, ho ripreso gli studi nel 2014, conseguendo anche il passaggio al primo esame: Informazione e cultura digitale.
Ho praticato molti sport, tra i quali nuoto e calcio a livello agonistico.
Ho anche grandi passioni riguardo Musica, Calcio e Motociclismo, ma ultimamente ho avuto modo di apprezzare, anche per vicende personali, tutto l’ambito della riabilitazione neuro-motoria, che è un campo in grande crescita ed espansione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here