Jadon Sancho Borussia Dortmund talento inglese
Jadon Sancho Borussia Dortmund talento inglese

Dopo essersi lasciati alle spalle la quantomai sfortunata pausa per le nazionali, torniamo a concentrarci sui giovanissimi talenti che affollano i vivai di molte squadre del panorama calcistico europeo, e che rappresentano il futuro di questo sport.

Questa settimana ci spostiamo in Germania, dove alla corte del Borussia Dortmund è arrivato il talento inglese Jadon Sancho.

Quasi un metro e ottanta di statura, il classe 2000 è nato a Londra, ma comincerà la sua carriera agonistica nel 2015 alle giovanili del Watford, dove è stato impiegato come alla sinistra. Agilità, velocità naturale in progressione e un’ottima dote tecnica sono i connotati con cui Jadon Sancho è riuscito a farsi notare dagli addetti ai lavori del Manchester City, i quali si sono aggiudicati le prestazioni del minorenne inglese l’anno successivo.

Risultati immagini per jadon sanchoA Manchester, Jadon Sancho ha iniziato un periodo di maturazione calcistica che lo ha portato a vestire anche la maglia della Nazionale inglese Under 16, nella quale la stella londinese giocherà 11 partite segnando 7 gol. Ala sinistra dalle innate capacità tecniche, è stato spostato a giocare su ambo le fasce del campo, riuscendo a fornire prestazioni di livello durante l’arco della stagione 2016/2017. Nelle giovanili del Manchester City, l’importante sviluppo delle caratteristiche tattiche del talento inglese ha portato risultati a dir poco eccezionali: tra campionato Under 18 e coppe, Jadon Sancho ha giocato 33 partite segnando 20 gol e servendo 7 assist. Non mancano i risultati anche in chiave Nazionale Under 18, nella quale Jadon Sancho non ha mancato di lasciare il segno con 18 partite timbrando il cartellino ben 14 volte.

La continuità di minutaggio in campo e le prestazioni positive sono cresciute di pari passo, dando la possibilità al giovanissimo talento inglese di poter accrescere la sua intelligenza calcistica, e soprattutto di fornirgli le basi tattiche e tecniche necessarie ad affrontare qualsiasi tipo di futuro nel mondo del calcio che conta.

Dopo non molto tempo, infatti, dalla Germania sono arrivati i primi interessi per Jadon Sancho, il quale dopo un’intensa trattativa è diventato il primo giocatore inglese a vestire la maglia del Borussia Dortmund.

Il giovane inglese, quindi, è arrivato alla stagione che potrebbe consacrarlo nel calcio europeo e, numeri alla mano, sembra che non si stia facendo scappare l’occasione: in poco meno di quattro partite di UEFA Youth League, Jadon Sancho ha segnato 2 gol e servito 1 assist per i compagni; mentre il bilancio in Bundesliga rimane di due partite all’attivo con nessun gol segnato.

A discapito del minutaggio, ovviamente diminuito per il talento inglese, sono accresciute le attenzioni degli addetti ai lavori del Borussia Dortmund; i quali sono riusciti ad inserire il talento londinese in un ambiente in cui potrà crescere al meglio delle sue capacità, grazie alla grande esperienza degli allenatori e preparatori che seguono da vicino il vivavio della squadra di Dortmund.

Tuttavia, dopo dodici partite di Bundesliga, il Borussia Dortmund si ritrova a vestire un quinto posto che va non poco stretto all’allenatore olandese Peter Bosz il quale potrebbe decidere di ripartire scommettendo sui giovani che sono a disposizione della squadra, magari proprio dal primo inglese a Dortmund, Jadon Sancho.

Niccolò Inturrisi

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteDall’hinterland milanese: Andrea Paone, un uomo nato di recente
Articolo successivoDa Mondrian a Schifano, da Penone a Beuys: l’albero nell’arte del Novecento

Nasce il 26 febbraio 1995 a Firenze, dopo aver terminato gli studi liceali nel 2015 lascia l’Italia e si trasferisce con la famiglia in Olanda, ad Amsterdam. Ora continua a lavorare come magazziniere in attesa di intraprendere gli studi. Il libro che lo ha colpito più di tutti è stato “La bestia umana” di Zola. Se proprio gli chiedessero di scegliere un autore preferito, opterebbe però per Dostoevskij. Coltiva molte altre passioni, tra cui la musica, nella quale si è cimentato per qualche anno suonando chitarra elettrica e basso. Ascolta tutti i generi possibili e il suo gruppo preferito in Italia restano gli Zen Circus, anche se adora De Andrè e Lucio Dalla (ma ne potrebbe citare molti altri), ma il suo primo amore rimangono i Pink Floyd. Grazie alla famiglia si porta dietro praticamente da tutta la vita la passione per il cinema. Adora Fellini e Monicelli, ma non disdegna anche registi esteri come Lynch, Scorsese e Tarantino.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here