Hibye, incontrarsi non è mai stato così facile

Hibye è un open network geolocalizzato creato da una startup milanese che consente ai propri utenti di interagire realmente con persone che si trovano nella propria area e che condividono gli stessi interessi.

I tradizionali social network sono basati su richieste d’amicizia, post, like, condivisioni e chat e, pertanto, rendono i rapporti con le altre persone virtuali. L’obiettivo dei fondatori di Hibye è quello di abbattere qualsiasi tipo di barriera e far sì che le persone che si conoscono su questa piattaforma possano incontrarsi realmente e stare in compagnia.

La responsabile marketing di Hibye Elena Bonomi ha spiegato in sintesi quello che è il vero scopo di questo social anticonvenzionale che agisce come una sorta di facilitatore sociale: “L’idea di base è di dare vita a uno strumento affinché tutti possano crearsi un proprio network di conoscenze reali».

Il funzionamento di Hibye è molto semplice. Una volta scaricata l’app sul proprio smartphone è possibile usufruire di una bacheca virtuale nel quale condividere i propri interessi e necessità come ad esempio la la partecipazione ad un evento sportivo o musicale, la voglia di fare due chiacchiere al bar o seduti su una panchina al parco o di camminare insieme per le vie della città.

Gli altri utenti che visualizzeranno il messaggio potranno rispondere con un ”Hi”, ossia una richiesta di chat. Nel caso essa venisse accettata è possibile organizzarsi per incontrarsi realmente e condividere insieme le proprie passioni. Per chiudere la conversazione basterà, invece, inviare un ”Bye”.

Grazie ad uno strumento come Hibye è possibile crearsi una cerchia di amici reali e incontrarsi concretamente. Se prima eravamo abituati a stare per ore seduti in casa davanti al nostro PC grazie a questo innovativo social sarà possibile avere rapporti reali che possono magari col tempo trasformarsi in amicizie durature o, chissà, in alcuni casi addirittura in amore. Cosa c’è di più social di tutto questo?

Eugenio Fiorentino

CONDIVIDI
Articolo precedenteAlternanza scuola lavoro: il punto di vista (inascoltato) degli studenti
Articolo successivoIl Napoli vola, ma perché in Champions lo stadio è deserto?

Eugenio Fiorentino, nato il 3/2/1992 a Napoli, dove ho sempre vissuto.
Ho frequentato le scuole presso l’istituto Suore Bethlemite ed ho poi conseguito la licenza liceale presso il X Liceo Scientifico Statale, Elio Vittorini. Sempre promosso a pieni voti. Nel 2010 mi sono iscritto all’istituto Suor Orsola Benincasa, alla facoltà Scienze delle Comunicazioni, conseguendo i primi esami fino al settembre 2011, data in cui a causa di un gravissimo incidente subito ho interrotto gli studi. Dopo un lungo periodo riabilitativo, che tutt’ora sto sostenendo, ho ripreso gli studi nel 2014, conseguendo anche il passaggio al primo esame: Informazione e cultura digitale.
Ho praticato molti sport, tra i quali nuoto e calcio a livello agonistico.
Ho anche grandi passioni riguardo Musica, Calcio e Motociclismo, ma ultimamente ho avuto modo di apprezzare, anche per vicende personali, tutto l’ambito della riabilitazione neuro-motoria, che è un campo in grande crescita ed espansione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here