Felix Passlack giovane terzino tedesco Hoffenheim
Felix Passlack giovane terzino tedesco Hoffenheim

Ci troviamo ancora una volta in Bundesliga, il campionato tedesco che al momento è fermo alla tredicesima giornata. La classifica vede un Bayern Monaco in testa a 29 punti, ma distanziato solo tre lunghezze dalla sorpresa RB Lipsia che guida il gruppo di inseguitori. Sei squadre raccolte in soli sei punti di distanza, con proprio l’Hoffenheim che chiude la comitiva al settimo posto a 20 punti.

Durante la finestra di mercato estiva, i dirigenti della squadra dalle casacche bianco-blu si sono concentrati sul rafforzare la squadra con giovani di livello, capaci di poter dare nuova verve e freschezza ad un Hoffenheim in cerca di risultati positivi.

Il primo nome che è stato spuntato dal taccuino degli addetti ai lavori dell’Hoffenheim è quello di Felix Passlack, giovane terzino tedesco in prestito dal vivaio dal Borussia Dortmund.

Risultati immagini per felix passlackClasse 1998, Passlack ha iniziato la sua carriera agonistica proprio nelle giovanili del Borussia Dortmund durante la stagione 2012/2013, iniziando un personale ed importante percorso di maturazione calcistica. Terzino destro puro, non ha problemi a giocare su ambo i lati del campo riuscendo a combinare la sua velocità in progressione ed una fisicità impressionante per un ragazzo di nemmeno vent’anni. Non possiede delle doti tecniche elevate, ma una propensione naturale al gioco offensivo che lo rende un incubo per le difese avversarie, che si ritrovano un esterno capace di mettere cross, tagliare il campo con numerosi inserimenti e che riesce a ripiegare per supportare la fase difensiva della propria squadra. I numeri, d’altronde, parlano per lui: nel Borussia Dortmund Under 17 ha vestito la casacca delle vespe 43 volte mettendo a segno 21 gol e 18 assist. Quantità e qualità che si sono ripetute durante l’anno in cui Felix Passlack è passato nell’Under 19: 33 presenze, 21 gol e 22 assist. Una risorsa, dunque, capace di sfornare assist e di segnare con una continuità irrefrenabile.

Anche in Nazionale, la carriera dei Felix Passlack è iniziata presto, con 20 partite giocate con l’Under 17 e 7 gol segnati. Dopodiché, il giovane terzino è stato purtroppo quasi dimenticato dagli addetti ai lavori della Nazionale tedesca.

Tuttavia la parabola ascendente, in termini di numeri, del giovane terzino tedesco ha subito una brusca frenata quando il Borussia Dortmund ha deciso di promuoverlo in prima squadra: 21 partite disputate con 1 gol ed 1 assist. La poca esperienza e tenuta fisica indotta sui campi della Bundesliga ha fatto non poco preoccupare i dirigenti giallo-neri, che hanno deciso di cercare la soluzione del prestito per Felix Passlack, il quale è stato commentato dallo storico centrocampista tedesco Lars Ricken come : «… una perfetta combinazione di talento e volontà di migliorarsi».

Prestito all’Hoffenheim, dunque, il quale ha scommesso sulle qualità del giovane terzino, che potrà dimostrare di poter competere con le gambe della Bundensliga. La squadra di Hoffenheim si trova a galleggiare al settimo posto in classifica, a solamente un punto dai rivali del Borussia Dortmund in piena crisi di risultati. L’occasione perfetta, dunque, per Felix Passlack, che potrebbe tornare alla sua Dortmund e vestire un giorno, chissà, anche la fascia da capitano.

Niccolò Inturrisi

 

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteSalerno. Potere al popolo: che cosa sta nascendo?
Articolo successivoPerché mollare tutto e fare binge-watch di Mindhunter

Nasce il 26 febbraio 1995 a Firenze, dopo aver terminato gli studi liceali nel 2015 lascia l’Italia e si trasferisce con la famiglia in Olanda, ad Amsterdam. Ora continua a lavorare come magazziniere in attesa di intraprendere gli studi. Il libro che lo ha colpito più di tutti è stato “La bestia umana” di Zola. Se proprio gli chiedessero di scegliere un autore preferito, opterebbe però per Dostoevskij. Coltiva molte altre passioni, tra cui la musica, nella quale si è cimentato per qualche anno suonando chitarra elettrica e basso. Ascolta tutti i generi possibili e il suo gruppo preferito in Italia restano gli Zen Circus, anche se adora De Andrè e Lucio Dalla (ma ne potrebbe citare molti altri), ma il suo primo amore rimangono i Pink Floyd. Grazie alla famiglia si porta dietro praticamente da tutta la vita la passione per il cinema. Adora Fellini e Monicelli, ma non disdegna anche registi esteri come Lynch, Scorsese e Tarantino.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here