Nest, Roberto Todisco

In uno dei quartieri della periferia orientale di Napoli, precisamente San Giovanni a Teduccio, in via Bernardino Martirano 17 sorge una delle realtà che risolleva un quartiere degradato e poco confortante: si tratta della sala teatrale Nest che ospiterà la presentazione del nuovo romanzo di Roberto Todisco, “Jimmy l’americano”.

Il Nest di San Giovanni a Teduccio è ancora una volta la sede protagonista di un evento imperdibile: Roberto Todisco presenterà infatti il suo nuovo romanzo sabato 9 dicembre alle ore 18.30.

Nest, Roberto Todisco
Locandina dell’evento

Tra gli appuntamenti del ciclo “Libri dietro le quinte” spicca la prima presentazione di “Jimmy l’americano”: il romanzo è edito da Elliot Edizioni ed ha ricevuto una menzione speciale dalla giuria alla XXX edizione del Premio Italo Calvino. Il Premio è stato fondato a Torino nel 1985 poco dopo la morte del grande scrittore italiano su iniziativa degli amici più stretti dello stesso Calvino. Questo Premio rappresenta oggi una delle occasioni più importanti per gli scrittori emergenti e inediti che vogliono far conoscere le proprie opere e i propri romanzi.

Il fine ultimo del progetto “Libri dietro le quinte” è quello di andare oltre i caratteri stampati sulla pagina di un libro e ha la volontà di porre sotto la luce dei riflettori la mano inedita di uno scrittore che non aspetta altro che diventare visibile al pubblico sul suo palcoscenico.

Al Nest l’evento è stato organizzato dalla cooperativa di promozione editoriale Se.Po.Fa e dal progetto Gioco, immagine e parole. Quest’ultima associazione ha tra i propri obiettivi istituzionali quello di promuovere la crescita sociale dei più giovani, partendo dai loro bisogni primari, fornendo loro luoghi e tempi fatti di relazioni sociali, di partecipazione attiva e assunzione di responsabilità. Essa è uno spazio aperto all’interscambio di esperienze e a modi diversi di fare cultura accompagnando i ragazzi alla riscoperta dei valori comunitari, del bene comune, della convivenza civile. A rappresentare la cooperativa Se.Po.Fa sarà Deborah Divertito, invece per Gioco, immagine e parole ci sarà Martina Romanello.

E questa volta il protagonista di “Libri dietro le quinte” è Roberto Todisco. Nato nel 1982 e vissuto a Portici, Roberto Todisco si è laureato in Lettere Moderne e oggi lavora nel campo delle comunicazione digitale, essendo tra le altre molto attivo e partecipe alle campagne di divulgazione di tematiche ambientali e sociali.

Il suo nuovo romanzo ha il titolo di “Jimmy l’americano”: questa è la storia di Giacomo, un giovane medico sempre pronto a mettersi nei guai, e di Teresa, donna malinconica e dalla bellezza inafferrabile e moglie di Italo, giornalista ebreo che porta ancora con sé i segni della guerra in Etiopia. Si tratta di una vera e propria storia di un’ossessione amorosa che è pronta a rompere tutte le regole imposte dalla stessa dittatura fascista e che vuole sovvertire ogni modo d’essere. A fare da sfondo a questo racconto, che altro non è che un visionario progetto d’amore, è la Napoli degli anni ’40 del 1900: una Napoli che si prepara allo scoppio della guerra e che vive in un clima di ansia mista a terrore a causa della dittatura imposta da Benito Mussolini.

In maniera non scontata e banale, Teresa e Giacomo, che tutti chiamano Jimmy l’americano perché una volta da piccolo è scappato di casa mettendosi in viaggio su di un treno, sono pronti a sovvertire le imposizioni e a ribellarsi: i due altro non vogliono che conquistare la libertà che gli spetta.

Durante la prima presentazione del romanzo di Roberto Todisco al Nest, i giovani attori della compagnia teatrale A’ Menesta leggeranno alcuni dei passi più significativi e toccanti di tutto il testo, intervallando le letture con la proiezione di alcuni film dell’epoca, partendo da spezzoni del cinema muto fino ai grandi capolavori di Charlie Chaplin. Ovviamente il pubblico in sala potrà intervenire e chiedere all’autore curiosità relative al testo. Inoltre a fine serata, la cooperativa Le Tribù offrirà un gustoso aperitivo a tutti i partecipanti.

Arianna Spezzaferro

 

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteQuando il calcio può stroncarti la vita
Articolo successivoLiberi e Uguali, Fratoianni: «Cambiamo l’Italia, Grasso è l’uomo giusto»

Arianna Spezzaferro, nata a Napoli il 12/04/1993, è laureata in Lettere Moderne e specializzanda in Filologia Moderna presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II. Amante della cultura umanistica, della filologia romanza e della lettura, aspira a diventare un’insegnante di Letteratura italiana, perché crede fermamente di poter trasmettere, in futuro, ai suoi alunni l’interesse vivo per tale disciplina.
Attualmente scrive per Libero Pensiero News come coordinatrice della sezione Cultura.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here