trading, online

Tra gli strumenti più utilizzati dagli italiani in tema di risparmio e investimenti vi è il trading online: un prodotto che si è affacciato di recente sul mercato e che ha conquistato da subito le attenzioni di una larga fetta di utenti.

Investire tramite il trading online vuol dire portare avanti un’attività speculativa, obiettivo della quale è, per l’appunto, quello di guadagnare e massimizzare il più possibile i propri risparmi. Uno strumento con grandi potenzialità ma che deve essere maneggiato nel giusto modo dato che non sono pochi i rischi ad esso legati.
A spiegarci il meccanismo di quello che viene chiamato, con una abbreviazione, il TOL è la redazione di Tradingonline24 che si occupa proprio di fornire indicazioni ai lettori su questo mondo.

Qual è la differenza principale tra gli investimenti tradizionali e il trading online?
“Di base, per rispondere su due piedi, la differenza sta nello strumento utilizzato. Il trading online prevede lo spostamento in rete delle attività tradizionali di investimento; ciò che prima poteva essere fatto mediante un intermediario fisico, come ad esempio una banca, oggi viene portato a termine grazie al web. Si può quindi investire da soli, in piena autonomia, accedendo ad internet e utilizzando specifiche piattaforme virtuali.”

Come si impara questo mondo?
“Entriamo qui in un tema delicato, perché quello del trading non è un gioco. Si parla di un investimento anche piuttosto complicato, con i rischi del caso. Un tempo un utente senza conoscenze specifiche in materia non sarebbe mai andato a Milano, nella sede della Borsa italiana, a cercare di investire in azioni. Non lo avrebbe mai fatto perché non era il suo campo, quindi ci si affidava a un intermediario.”

Con il trading online cosa è cambiato?
“Succede che oggi un normale cittadino senza competenze specifiche in ambito finanziario possa voler provare la sorte varcando, anche se virtualmente, la soglia del mondo delle azioni o di altri asset. Ovviamente ci vuole preparazione. Il trading online è una grande opportunità perché ha azzerato distanze temporali e fisiche; basta una connessione internet e la registrazione presso un broker virtuale. Ma non si deve scambiare il prodotto per un gioco.”

Nel vostro portale dedicate una ampia sezione proprio alla scelta del broker. Quanto conta?
“Molto. È un momento fondamentale. Chi vuole fare trading online deve necessariamente partire scegliendo quale piattaforma utilizzare. E oggi sul mercato sono davvero tante. Noi consigliamo di optare per piattaforme sicure, evitando truffe; si parla quindi di broker rigorosamente autorizzati e regolamentati, il che fornisce garanzie sul fato che le autorità competenti compiano i controlli del caso su questi soggetti.”

CONDIVIDI
Giornalista, web writer e consulente Seo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here