Lo stallo per l’elezione dei due giudici di Corte Costituzionale prosegue, nonostante i continui tentativi di mediazione. La settimana prossima potrebbe tuttavia essere decisiva per le sorti della vicenda. A sbloccare la trattativa potrebbe essere la scelta, auspicata in certi ambienti, di due donne: Silvana Sciarra e Maria Alessandra Sandulli. Due nomi che arrivano da fonti di governo che potrebbero accontentare anche il M5S, che, così, potrebbe incassare l’appoggio per Alessandro Zaccaria, che è appunto un candidato del Movimento.

Silvana Sciarra e Maria Alessandra Sandulli sono due candidate, anche per i grillini, che non possono non apparire autorevoli. Silvana Sciarra è infatti professore ordinario di Diritto del Lavoro presso l’Università degli Studi di Firenze, Alessandra Sandulli è ordinario di Diritto Amministrativo e Giustizia dell’Università degli Studi di Roma III. Alessandra Sandulli è la figlia dell’ex Presidente della Corte Costituzionale, Aldo Mazzini Sandulli, a sua volta titolare di cattedra presso la Sapienza. Alessandro Zaccaria è invece ordinario di Diritto Civile a Verona.

Maria Allessandra Sandulli potrebbe essere in effetti il nuovo candidato di Forza Italia per la Consulta, dato che il suo nome è a lungo circolato tra i banchi del centrodestra. Questo nome non troverebbe ancora piena approvazione nell’ambiente. Ed ecco che decisivo sarebbe allora il contributo del Movimento, attraverso il quale potrebbe essere portata a termine questa lunghissima e quasi infinita elezione. Per ora l’appoggio sarebbe comunque soltanto un’ipotesi, dato che il mantra grillino è ben noto “Una volta fatti i nomi pubblicamente si aprirà una riflessione”. Questi nomi, si osserva comunque nell’ambiente: sono di livello. Secondo fonti interne i pentastellati sarebbero disponibili a confrontarli coi propri e valutare la possibilità del voto. Una nota positiva dunque, che fa sperare in una conclusione della vicenda entro giovedì, quando si tornerà a votare. Matteo Renzi nel frattempo, incontrerà i suoi per decidere la posizione del Partito Democratico sulla scelta dei giudici della Consulta.

Antonio Sciuto

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui