Roger Federerv
Fonte immagine: atptour.com

Roger Federer sta tornando a battersi sui campi da tennis, e noi non vedevamo l’ora.

Appena conclusasi una bellissima edizione degli Australian Open, primo torneo del Grande Slam ad aprire la stagione tennistica 2021, con la vittoria di Novak Djokovic su Daniil Medvedev in finale, ci addentriamo verso un lungo percorso che culminerà con i Roland Garros di maggio, dove non mancheranno di certo le sorprese.

Quello che è appena finito è stato oltre ogni dubbio un grande torneo, eppure si dice che tutti i giocatori e gli appassionati abbiano sentito almeno una volta la sua mancanza. Non viene senz’altro difficile pensare che a qualcuno, dalle parti di Melbourne, possa essere capitato di chiedersi “Ma lui quest’anno non c’è, vero?”.

E quel “lui” non può essere che lui, il tennista che nonostante l’età continua a farci innamorare del tennis, nella speranza di vederlo ancora una volta colpire la palla con il suo strabordante backhand. Quel lui non può che essere Roger Federer e, per nostra fortuna, sta per tornare.

Lo ha comunicato con un post su Instagram, sudato e felice, mostrando tutta la spensieratezza dei suoi quasi 40 anni, che arriveranno a bussare alla sua porta il prossimo 8 agosto, ma che non riescono proprio a levargli il sorriso di chi sta per tornare a fare quello che ama: giocare a tennis.

Federer tornerà al Khalifa International Tennis and Squash Complex di Doha, dove dall’8 marzo si disputerà il torneo ATP 250 del Qatar e poi proseguirà con l’ATP 500 di Dubai. L’ultima sua partita ufficiale è datata 30 gennaio 2020, quando perse in semifinale degli Australian Open contro il rivale di sempre Djokovic, che poi vinse il titolo.

Con tutte le cose che il mondo ha dovuto affrontare da quel periodo in poi sembra passato quasi un secolo, eppure Roger Federer è stato lontano dal circuito per poco più di un anno. Qualcun altro invece crede che da quando si è fermato lui si sia fermato anche il tennis, e adesso potrà tornare finalmente a gioire rivedendolo in campo.

Federer ha scelto di ripartire dal Medio Oriente, l’area migliore in cui giocare a tennis in questo periodo dell’anno per provare a riprendere sensibilità col campo in tutta calma.

Ma dietro questa scelta potrebbe esserci anche un motivo scaramantico, o quantomeno un buon ricordo: esattamente due anni fa, infatti, Roger Federer conquistava il suo 100esimo titolo nella finale di Dubai, superando Tsitsipas con un punteggio di 6-4/6-4, dopo aver battuto Coric in semifinale (6-2/6-2).

Dovremo invece aspettare ancora qualche tempo per rivederlo in campo in una gara di un Masters 1000. È notizia di qualche ora, infatti, che il pluricampione svizzero rinuncerà a giocare il torneo di Miami di fine Marzo. Secondo quanto riportato dal suo staff, la volontà di Federer è quella di procedere con un rientro “il più dolce possibile”, in modo da evitare che il fisico possa risentire in qualche modo delle troppe partite in successione.

Una precauzione in più anche alla luce del periodo di quarantena obbligatoria previsto per chi arriva negli Stati Uniti, giocatori inclusi; una condizione che renderà sicuramente più complesso il tentativo di dare una certa continuità al gioco e libertà negli allenamenti. Tornare proprio lì dove ha vinto il torneo numero 100 in carriera sarà la mossa più saggia per rientrare a “gamba tesa” nel circuito? Questo non possiamo ancora saperlo.

Di certo, l’idea di rivedere in campo il campione svizzero dopo un anno di assenza non solo deve rallegrare tutti, ma sarà l’opportunità per tanti tifosi di rinnamorarsi di un certo tipo di tennis. Nella speranza che il giorno del suo ritiro definitivo sia ancora tanto lontano. Sul sito di Leovegas trovi le migliori quote sul tennis disponibili per i tornei sopra elencati e tutte le altre scommesse sportive online che fanno al caso tuo.

Inutile mentire: potrebbe essere l’ultima stagione di Roger Federer nel tennis professionistico. Ad oggi sono in tanti ad essere più in forma di lui, ma noi lo aspetteremo sempre, fino a quando se la sentirà.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui