Fonte immagine: mymasterdesigner.com

Per chi è cresciuto con lo sguardo fisso sul GameBoy, o ha trascorso decine di notti insonni cercando di battere l’ultimo boss in Persona, i videogiochi sono più di un passatempo: sono uno stile di vita. A tanti è rimasto forse il pallino di creare un giorno giochi altrettanto avvincenti, facendo del proprio hobby un lavoro a tempo pieno. 

Quello dell’intrattenimento online è un settore in crescita e, con una buona formazione, lavorare in questo campo è tutt’altro che impossibile. Vediamo quindi quali sono i possibili percorsi formativi da seguire per iniziare una carriera come sviluppatore di videogame.

Studiare per diventare sviluppatore di videogiochi

Al momento, in Italia non esistono ancora percorsi universitari univoci che accompagnino gli studenti dalle basi fino a una completa formazione da sviluppatore di videogiochi. Ci sono comunque diverse valide opzioni di studio che, unite a tanta sana passione e a una motivazione di ferro, sapranno formare game programmer eccellenti. 

Una possibile strada da seguire inizia con una laurea in ingegneria e scienze informatiche, per specializzarsi poi nella programmazione di videogame. Al momento, master biennali in videogiochi sono disponibili presso le università di Milano e Verona. 

Questa opzione offre sicuramente una formazione a tutto tondo, suddivisa in cinque anni tra laurea triennale e master. È particolarmente indicata per chi si sia appena diplomato e non abbia fretta di cominciare a lavorare. Per chi pensi a una svolta nella propria carriera, invece, la durata potrebbe essere un ostacolo.

Diventare sviluppatore di videogiochi senza laurea

Non disperi chi non abbia voglia di passare cinque anni sui libri: si può diventare sviluppatori di videogame anche senza una laurea.

Una possibilità in questo senso, indicata in particolare a chi voglia acquisire le conoscenze tecniche in tempi più brevi, è cominciare da un corso professionale di coding. Per esempio, aulab offre un corso di programmazione intensivo che in soli tre mesi forma sviluppatori web pronti per il mercato del lavoro. Pur partendo da zero, quindi, si apprendono i linguaggi di programmazione che possono poi fornire una solida base per approfondire la professione di sviluppatore di videogiochi.

Competenze necessarie e soft skill

Oltre alle più ovvie conoscenze tecniche, tra cui basi di programmazione, conoscenze di matematica e fisica, nonché di engine di sviluppo, ci sono altre importanti competenze che possono fare la differenza per un programmatore di videogame in erba. Prima di tutto, le immancabili soft skill: la creatività è d’obbligo, così come l’abilità di lavorare in squadra e di comunicare efficacemente con le altre persone coinvolte nel progetto. 

Per aumentare le possibilità di trovare impiego è fondamentale anche la conoscenza dell’inglese. In Italia, diventare sviluppatore di videogiochi senza esperienza non è sempre facile. Le aziende che operano nel settore non sono tante, e quelle che offrono stage e posizioni junior a game developer alle prime armi sono ancora meno. Rivolgersi all’estero e inviare candidature per posizioni di lavoro in remoto offre invece maggiori opportunità. Saper comunicare in inglese può quindi essere la chiave per possibilità di carriera più promettenti.

L’importanza dell’esperienza sul campo

Più dei titoli di studio, ciò che conta per cominciare a farsi strada come sviluppatore di videogiochi è l’esperienza pratica nella programmazione. Un portfolio interessante, infatti, può attirare l’attenzione più di un curriculum impeccabile. 

Si può cominciare con piccoli progetti, anche ispirati ad altri giochi già esistenti. Ciò che conta è mostrare a possibili datori di lavoro che si è in grado di sviluppare un videogioco funzionante. È possibile realizzare progetti in modo del tutto indipendente, oppure con un gruppo di amici che condividano la passione per il mondo dei videogame. 

In conclusione, non c’è un unico percorso indirizzato alla professione di sviluppatore di videogiochi. Al contrario, ci sono diverse strade che, con impegno costante e determinazione, possono portare alla realizzazione di questo sogno. Non vediamo l’ora di scoprire quali nuovi, avvincenti giochi nasceranno dalle tastiere dei futuri programmatori di videogame.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui