L’Ipsos MORI, azienda britannica di sondaggi e ricerche di mercato, ha condotto un’indagine per scoprire quali siano i Paesi con i cittadini più disinformati.

La Redazione Sondaggi di Libero Pensiero ha seguito la ricerca e analizzato i dati. In sostanza, emerge una netta differenza tra percezione e realtà dei fatti da parte degli abitanti dei maggiori Stati mondiali, infatti, molte persone hanno evidenti lacune su talune questioni di rilievo concernenti il Paese di appartenenza.

SONDAGGIO – La rilevazione è stata condotta nel mese di Agosto in 14 nazioni, di cui 5 extra-europee. Per ogni Paese le persone coinvolte sono state circa un migliaio, con un’età compresa tra i 18 e i 64 anni. Ogni intervistato ha risposto a domande inerenti a temi per lo più attuali, come “quanti immigrati pensi ci siano nel tuo Paese?” o “qual è la percentuale di disoccupati?”.

Successivamente all’elaborazione dei dati raccolti, l’Ipsos Mori ha stilato il cosiddetto “Indice di ignoranza” (Index of ignorance).

È doveroso precisare cosa si intenda per “ignoranza”: in questo caso il termine esprime l’errata concezione che abbiamo della realtà, a causa della disinformazione e della persistenza di alcuni luoghi comuni. Ad ogni modo, nella classifica stilata pochi giorni fa, l’Italia è incredibilmente prima. Meglio di noi, in ordine: Usa, Corea del Sud, Polonia, Ungheria, Francia, Canada, Belgio, Australia, Gran Bretagna, Spagna, Giappone, Germania e Svezia, quest’ultima la Nazione migliore tra quelle esaminate. [Fotogallery]

ITALIA – Nel Bel Paese sono molte le questioni su cui la gente è poco al corrente. Per esempio, alla domanda “quanti immigrati pensi ci siano in Italia?” la maggior parte delle persone ha risposto con “sono il 30%”, mentre in realtà sono appena il 7%. La situazione peggiora se si parla di anzianità: secondo gli italiani il 48% degli abitanti ha più di 65 anni, ma in realtà sono solo, si fa per dire, il 21%. Grave disinformazione anche sulle questioni religiose: si pensa che in Italia ci siano più musulmani di quanti ce ne siano veramente (il 21% contro il 4%), mentre la situazione è opposta per i cristiani (69% secondo i votanti, 83% effettivi). Stesso discorso per i disoccupati (il 49% secondo gli italiani, 12% effettivi) e per le gravidanze in età adolescenziale (17% contro lo 0.5% della realtà). Insomma, stando a quanto detto pare che l’Italiano medio sia un Musulmano immigrato e senza lavoro; non proprio lo specchio della realtà.

ALTRI PAESI – Ma non siamo i soli a sbagliare i conti. In Francia credono che il 31% della popolazione sia musulmana, ma in realtà lo è solo l’8%. Inoltre, sono convinti che alle ultime elezioni nazionali solo il 57%  delle persone abbia esercitato il proprio diritto al voto, contro l’80% dei votanti effettivi. In Corea del Sud pensano che quasi mezza nazione sia cristiana, mentre lo è solo un terzo della popolazione. Negli Usa sarebbero il 24% le ragazze che restano incinte in età adolescenziale, a fronte del 3% effettivo.

[Best_Wordpress_Gallery id=”38″ gal_title=”IPSOS MORI”]

Fonte: Sondaggio Ipsos MORI “Perceptions are not reality: Things the world gets wrong” del 29 Ottobre 2014

Marco Puca

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.