Home Sport 51^ edizione Capri – Napoli FINA Grand Prix

51^ edizione Capri – Napoli FINA Grand Prix

381

Considerando che l’estate sia in via conclusiva, gli sport estivi devono adeguarsi. Ecco perché ieri, 4 settembre, è stata dichiarata la fine della FINA Grand Prix 16, campionato mondiale del nuoto di fondo, evento che inorgoglisce Napoli tanto che il sindaco De Magistris ha “offerto” la propria presenza. Tornando all’evento, sviluppa l’ultima tappa partente dal Lido Ondine di Capri, ed arrivante alle opposte coste della città di Napoli presso il circolo Canottieri. Una bella gara inizialmente molto compatta, infatti i nuotatori erano ancora in un folto gruppo di cento e nessuno in fuga. Sebbene ci siano stati tentativi di fuga del gruppetto composto dal macedone Popacev e da Blaum, non mancavano gli inseguitori a tre minuti, tra cui il nostro Stochino ed il francese Venturì.. Mentre il macedone con il suo gruppo di testa continua con un nuoto da ritmo incalzante, crea divario rassicurante a cinque ore di gara. La peculiarità di questa manifestazione, oltre l’essere stancante e quasi distruttiva all’arrivo, è il sesso misto, poiché contemporaneamente alla competizione maschile c’è anche quella femminile, che per fortuna fa ritrovare al nostro tricolore il podio: 1° Geijo (ARG) 2° Kozydub (RUS) e 3° Raimondi (ITA).

A sinistra la russa Kozydub

Finalmente, dopo le già tante ore di nuoto, all’orizzonte dal palco della terrazza del Circolo che diviene ristorante si scorgono le moto d’acque degli organizzatori. Il tanto atteso traguardo sarà tagliato in questa sequenza: 1° Popacev (MKD), 2° Blaum (ARG) e 3° Venturi (FRA), per gli uomini. Oltre il meritato trofeo, riceveranno anche un orologio, premio dato dallo sponsor, e festeggeranno con fiumi di champagne come di buon uso ad una premiazione di un Grand Prix. Infine, per evitare che l’alcol dello champagne possa assopire, ecco una busta di pregiato caffè come meritato premio al vincitore come altro regalo da uno sponsor.podio e spumante

 

A sinistra il vincitore, Popacev

 

A destra il “nostro” Stochino

Eugenio Fiorentino

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui