Spettacolo doveva essere e spettacolo è stato. Houston la spunta su Oklahoma di due sole lunghezze dopo un finale concitato. Il risultato, però, è semplice paesaggio. In primo piano ci sono solo loro: Russell Westbrook e James Harden. 49 punti per il primo, quasi una tripla doppia per il secondo (26 punti, 8 rimbalzi e 12 rimbalzi). Un’altra, l’ennesima prestazione straordinaria per entrambi, che conferma la loro corsa solitaria verso il titolo di MVP.

Nonostante siano finiti addirittura a -18 nel terzo quarto, Oklahoma non si è arresa. Non è nel suo carattere. Non è nel carattere dell’uomo che li guida. “[Westbrook] È un problema. Non si arrende mai”, ha dichiarato Harden a fine gara. I Thunder sono riusciti a rimontare sino al 116-116 a 1’48” alla fine. Da lì in poi, 8 tiri da parte di entrambe le squadre ed altrettanti errori. Ci sono voluti due liberi di Nene a 0’07” per permettere ai tifosi di Houston di tirare un sospiro di sollievo.

Sesta vittoria consecutiva per i Rockets che consolidano così la terza posizione nella Western Conference, un risultato che nessuno avrebbe mai immaginato a inizio stagione.
Per i Thunder, invece, arriva la terza sconfitta di fila. “La rimonta dice molto di noi”, ha dichiarato Oladipo. “Dobbiamo solo tenere a mente le cose buone che abbiamo fatto per la prossima partita e continuare a migliorare”. Di cose buone, in effetti, ne ha mostrate OKC. Soprattutto la difesa, che ha concesso solo 18 punti nel pitturato negli ultimi 24 minuti e 0 punti in contropiede. Numeri notevoli, considerando che di fronte aveva la squadra che è tra le migliori cinque della Lega in entrambe le statistiche.

Offensivamente, le cose non vanno altrettanto bene. I Thunder sono solo e soltanto Westbrook. Il che non è assolutamente una novità di questa stagione, anche nelle scorse erano lui e Durant a gestire la quasi totalità dei possessi e dei tiri. E dai numeri di Russell si denota comunque il suo feeling con la retina: è nettamente il miglior realizzatore della Lega. Il problema sorge quando nei minuti finali, quando la stanchezza si fa sentire, le difese si chiudono e l’unico schema è: dare-palla-a-Wes.

Sia su Houston che su OKC arriveranno degli approfondimenti specifici nei prossimi giorni. Stay tuned.

Michele Di Mauro

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui