Il Veganerpartiet parla della cultura alimentare e delle tradizioni danesi
Foto di Vegan Liftz da Pexels

Veganerpartiet è il primo partito vegano in Danimarca. Il loro obiettivo principale è inserire l’ideologia vegana nell’agenda politica danese. Si tratta di fare i conti con la cultura danese, partendo dalla tradizioni come quella del Grindadràp. Abbiamo intervistato il loro portavoce politico, Michael Monberg, per conoscerli meglio.

Tanto per cominciare, quando è nato il Veganerpartiet e di cosa si occupa?

«Henrik Vindfeldt e io ci siamo incontrati durante l’attivismo e abbiamo scoperto che condividevamo un interesse reciproco nell’usare i video per raggiungere un pubblico più ampio. Ho fornito a Henrik alcune fonti con informazioni di base sull’industria dell’agricoltura animale danese: come distrugge la natura, come soffrono gli animali in gran numero e, non ultimo, come è tutto sostenuto da politici legati dalle più influenti organizzazioni di lobby del paese. Henrik ha realizzato un video di 20 minuti su questi risultati e aveva bisogno di un posto dove metterlo. Dato che è il governo che fa le leggi che permettono la sofferenza degli animali, ha voluto usare le parole “vegan” e “party” – e così Veganerpartiet (The Vegan Party) è nato su Facebook, e il video è stato subito visto da molte migliaia di persone. Era l’inizio del 2018 e alla fine dell’anno avevamo costruito la struttura per il partito politico e abbiamo iniziato a raccogliere le 20.000 firme necessarie per candidarci al governo».

Qual è l’ideologia politica del Veganerpartiet e dove si colloca nel contesto politico danese?

«Gli animali in Danimarca vengono mutilati e uccisi a centinaia di migliaia ogni giorno. E non un solo politico ne ha parlato fino a prima che nascesse Veganerpartiet. Se questa situazione doveva cambiare, era necessario un nuovo modo di vedere i nostri simili. Quindi volevamo che il veganismo diventasse mainstream nel pubblico e in politica. Siamo abolizionisti, ma sappiamo che non è la mentalità che adotti per prima. Sebbene il veganismo sia centrale nel nostro nucleo, abbiamo anche concordato di utilizzare l’ecocentrismo come principio guida. L’ecocentrismo inserisce semplicemente l’uomo in un contesto con la natura – non sopra, non sotto. Siamo semplicemente una parte degli ecosistemi che ci circondano. E abbiamo bisogno di quegli ecosistemi per sopravvivere. E così Veganerpartiet è finito nella sinistra verde della politica dove mostriamo agli altri partiti che possiamo davvero vivere i nostri ideali».

Qual è il programma politico del Veganerpartiet per la Danimarca?

«La questione più urgente è ridurre la zootecnia. La Danimarca ha il maggior numero di suini pro capite di tutti i paesi più importanti del mondo. Siamo 5,7 milioni di persone ma alleviamo 40 milioni di maiali. Le statistiche parlano solo di 32 milioni, perché gli 8 milioni che muoiono per mano dei contadini non si contano nemmeno. Vengono ignorati così come avviene per la loro sofferenza. Enormi aree vengono utilizzate come colture per nutrire questo numero assurdo di animali. Quindi la Danimarca ha abbattuto la maggior parte delle nostre foreste e ora quasi il 50% della terra viene utilizzata solo per nutrire i maiali. Aggiungi un’area considerevole per nutrire 100 milioni di polli e un gran numero di mucche e puoi capire perché abbiamo lo stesso livello di protezione naturale di paesi come il Bangladesh. Per farla breve: la natura esiste a malapena in Danimarca. A peggiorare le cose, è il fatto che importiamo anche 1,7 milioni di tonnellate di soia dal Sud America, contribuendo alla perdita della foresta pluviale. Questo mangime viene trasportato su enormi navi che inquinano quasi quanto tutte le auto in Danimarca. E non lo facciamo nemmeno per sfamare la nostra stessa popolazione; Il 90% della carne suina viene esportata nei paesi del nord Europa e in Cina. Quindi praticamente distruggiamo la nostra terra per fornire pancetta a buon mercato ai nostri vicini. Veganerpartiet vuole rendere normale e far accettare il veganismo per porre fine a tutti gli allevamenti».

Parliamo ora di un tema molto discusso all’estero: la pratica del Grindadràp svolta nelle Isole Fær Øer. Tu che sei danese, puoi spiegarci di cosa si tratta esattamente?

«Il Grindadràp è l’uccisione dei globicefali alle Isole Faroe. Gli abitanti hanno svolto questa pratica per tutto il tempo in cui le persone hanno vissuto sulle isole. I primi omicidi registrati risalgono all’anno 1584. È sempre stato un modo per sostenere la vita delle persone su queste isole remote e aride. Sebbene la vita fosse dura fino a poco tempo fa, il popolo faroese è diventato parte del consumismo moderno e della vita occidentale di oggi. Hanno tutti i comfort moderni: auto, alloggio, scuole, supermercati, internet. Ora hanno tra le più alte emissioni di CO2 al mondo. Tuttavia, a loro piace immaginarsi come una vecchia tribù stoica di persone resistenti che sopravvivono solo perché possono raccogliere dalla natura. E il Grindadràp fa parte di questa vecchia storia. La realtà è che la carne e il grasso sono contaminati dal mercurio e dai veleni dei nostri rifiuti industriali. Rifiuti che giustamente arrivano da tutto il mondo, ma anche i faroesi hanno la loro parte nella produzione. Un’altra parte della storia è che i faroesi ora comprano cibo dai supermercati, proprio come te e me. La carne e il grasso non sono più una parte essenziale della sopravvivenza, ma vengono consumati più per tradizione e per gusto. La caccia stessa è ora svolta con una grande flotta di motoscafi che consuma centinaia di litri di benzina. La caccia può richiedere molte ore poiché gli animali sono costretti ad avvicinarsi alla terra. Qui viene scelta una spiaggia e i globicefali sono costretti ad andare tra le braccia di una folla in attesa. Mentre i metodi usati per uccidere le balene e i delfini che li accompagnano sono migliorati nel corso degli anni, si vede sempre una grande sofferenza. A volte si tratta di 10-20 balene o, come abbiamo visto quest’anno, un branco di 1428 delfini in un grande bagno di sangue che impiega ore sulla spiaggia con molti che si dimenano con ferite ancora aperte nei loro corpi. Anche le madri incinte vengono macellate e i feti non ancora nati vengono separati e scartati quando nessuno guarda. Non una sola anima è risparmiata».

Che posizione assume il Veganerpartiet rispetto al Grindadràp?

«Il Vegarnerpartiet è contro ogni violenza non necessaria verso altri esseri viventi. Questo include anche il Grindadràp perché semplicemente non è necessario farlo. Nessun faroese andrebbe mai a letto affamato se le uccisioni cessassero. E quindi non c’è assolutamente alcun motivo per mantenere un modo di trattare gli animali che sarebbe vietato se fosse mai compiuto a qualsiasi altra creatura. Il terrore che questi animali provano non si vede nemmeno sul pavimento più insanguinato di un macello. I politici danesi dovrebbero imporre sanzioni alle isole fino a quando questa antica pratica non sarà fermata e le Isole Faroe dovrebbero firmare il trattato internazionale sulla protezione degli animali marini».

Credi che tutte le organizzazioni non governative e i movimenti internazionali che hanno parlato di Grindadràp, senza prima chiedere il parere degli animalisti danesi, abbiano commesso un abuso?

«No. Le Isole Faroe sono tra le ultime al mondo ad uccidere balene e delfini e quindi devono giustamente sopportare più pressioni rispetto alla maggior parte degli altri paesi. Per la maggior parte dei gruppi il Grindadràp è qualcosa che si svolge su alcune isole remote al di fuori della loro sfera di interesse quotidiana. Quindi credo che qualsiasi gruppo o movimento che cerca di esprimere il proprio interesse per il Grindadràp dovrebbe contattare Sea Shepherd per essere più efficace. Sea Shepherd è sulle isole per documentare gli omicidi e noi non ci consideriamo più informati di qualsiasi altra organizzazione che lavora per fermare la sofferenza degli animali. Credo che dovremmo tutti trovare il modo di collaborare per trasformare il Grindadràp in un ricordo del passato. Quindi abbiamo bisogno della pressione di tutto il mondo per far sapere al governo faroese che una nazione non può trattare gli animali e la natura come vogliono. Questo vale per tutte le nazioni, ed ovviamente dovremmo tutti sforzarci di far avanzare le nostre nazioni verso un mondo in cui la natura e gli animali siano trattati con rispetto».

La cultura vegana del Veganerpartiet può rispettare la cultura alimentare danese, o parte di essa?

«Il popolo danese amava gli ortaggi e le verdure. Ma negli ultimi 60 anni ci siamo semplicemente abituati a mangiare sempre più carne e latticini. Quindi abbiamo un background storico in cui l’agricoltura dava vita e nutrimento al popolo danese. Tuttavia la situazione è cambiata quando l’agricoltura è stata industrializzata e sono stati concessi sussidi alla produzione di carne e latticini, in gran parte dall’Unione europea. Questi sussidi sono stati usati per raccontare a tutti noi una storia sull’importanza della carne come fonte di proteine ​​e nutrienti, anche se si può verificare che si tratti di una grande bugia. Gli animali consumano enormi quantità di nutrienti e proteine, ma ne forniscono solo piccole quantità in cambio. Non accettiamo una cultura del cibo che distrugge la natura e la vita. Rispettiamo il fatto che anche noi facevamo parte di quella stessa cultura e che non possiamo incolpare l’individuo. Ma abbiamo bisogno di un cambiamento politico e sistemico se vogliamo affrontare i problemi dell’agricoltura animale e del consumismo. Tale cambiamento sistemico avviene solo se le persone agiscono e mostrano la strada. Per questo esiste il Veganerpartiet».

Gabriele Caruso

5 x mille Survival
Laureato in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali, nutre un forte interesse verso l'antropologia culturale e la sociologia. I suoi principali temi di indagine sono l'antispecismo e le questioni inerenti all'Irlanda del Nord.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui