Il 10 e 11 Aprile gli studenti e le studentesse dell’Università Parthenope di Napoli saranno chiamati alle urne per la tornata elettorale delle elezioni suppletive per la componente studentesca.
Libero Pensiero News ha intervistato due candidati al Senato Accademico. Di seguito l’intervista:

GIULIANO RICCIO

Cosa ti ha spinto a candidarti?
Due anni fa ho iniziato un grande percorso di crescita interpersonale contraddistinto da tanti piccoli traguardi raggiunti per ciò che concerne il mio corso di studi in ingegneria delle telecomunicazioni.
La consapevolezza quindi di poter dare di più agli studenti che ormai rappresento da oltre due anni.

I punti essenziali del tuo programma?
In primis riduzione della burocratizzazione delle pratiche degli studenti che sono lentissime e richiedono mesi e mesi per essere portate al termine.
Inoltre vogliamo dare il nostro impegno personale per cercare di risolvere la questione delle pergamene di laurea. L’Università Parthenope, risulta infatti tra gli ultimi Atenei d’Italia per la distrubuzione delle pergamene di laurea dove ci vogliono oltre 5 anni per ricevere le pergamene di laurea. Vogliamo garantire anche una buona manutenzione a tutte le strutture dell’Ateneo che ormai sono fatiscenti e richiedono interventi continui.

Da osservatore esterno cosa ha funzionato e cosa non ha funzionato al senato?
Mancanza totale di trasparenza. Gli studenti, infatti sono totalmente inconsapevoli di ciò che accade in Senato Accademico e vorrebbero essere informati anche per quanto riguarda la rappresentanza. Pertanto forniremo sempre i resoconti dei Senati Accademici che avverranno in futuro.

GIANLUCA CIRILLO

Cosa ti ha spinto a candidarti?
Non voler lasciare mai soli gli studenti e quindi continuare il lavoro iniziato 2 anni fa dopo che ho ricoperto il ruolo di rappresentante del corso di studi di management delle imprese internazionali.

I punti essenziali del tuo programma?
Avvertiamo l’esigenza di avere maggiori attività formative, più eventi culturali e migliorare i punti di contatto con il lavoro, poichè ogni studente che si iscrive ad un qualsiasi corso di studi ha come obbiettivo di conoscere quanto prima il mondo del lavoro, il quale è molto ostico e difficile da comprendere.

Da osservatore esterno cosa ha funzionato e cosa non ha funzionato al Senato?
C’è stata poca comunicazione con la base, cioè gli studenti, i quali ritengo debbano essere coinvolti in ogni progetto del Senato Accademico e di ogni altro organo di rappresentanza studentesca. Il mio compito quindi sarà di migliorare il coordinamento e il confronto con le persone che ci voteranno e che non ci voteranno soprattutto. Inoltre su certi temi bisognerebbe fare un lavoro maggiore; mondo del lavoro e creare più opportunità di incontro tramite seminari, recruiting day o portare avanti istanze quali avere una mensa funzionante all’interno di tutte le sedi d’Ateneo.

Pasquale De Laurentis

Condividi
Articolo precedenteLa settimana calcistica del Portogallo: tra CR7 e liti furiose
Articolo successivoFoscari: il primo album nato da “I giorni del rinoceronte”
Avatar
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di GENERAZIONE X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica Libero Pensiero, insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II. Dal 16 Aprile 2018 entra nel team di Onda Web Radio, la radio patrocinata ufficialmente dal Comune di Napoli dove torna a condurre GENERAZIONE X.

1 commento

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here