Italia Turchia Europei

L’attesa è finita, e venerdì 11 giugno alle 21 scatta l’Europeo con un anno di ritardo rispetto ai programmi. La pandemia ha fatto slittare la rassegna continentale di dodici mesi, ma ora tutto è finalmente pronto. All’Olimpico, sede della gara inaugurale del primo torneo itinerante della storia a livello di Nazionali, torneranno anche i tifosi: in ventitremila saranno sugli spalti, tutti italiani, per uno sprazzo di normalità dopo sedici mesi di calcio a porte chiuse. L’Italia sarà accompagnata anche dai suoi supporters nell’esordio a Euro 2020, competizione che è il primo vero banco di prova di Roberto Mancini. Il Ct ha ridato orgoglio e vivacità alla Nazionale dopo la clamorosa caduta con la Svezia, gli azzurri non perdono da 25 partite ufficiali di fila, ma il bello viene solo adesso. Il 7-0 su San Marino e ancora di più il poker alla Repubblica Ceca nelle ultime due amichevoli dimostrano che la squadra è pronta. Da venerdì, però, tutto cambierà. 

In un torneo di un mese tutto può essere stravolto, soprattutto dopo una stagione complicata come quella appena terminata. I valori tecnici rischiano di essere annacquati, anche se l’anno in più a disposizione ha cambiato radicalmente le ambizioni della Nazionale. Gli azzurri non saranno favoriti, ruolo che spetta di diritto alla super Francia di Deschamps, ma le ultime otto vittorie di fila senza subire gol hanno fatto salire le quotazioni dei ragazzi di Mancini. 

Il tecnico ha già scelto l’undici con cui affrontare la Turchia: in campo tutti i migliori, perché la prima è spesso la gara decisiva del girone. A Svizzera e Galles si penserà dopo il fischio finale dell’Olimpico. Il 4-3-3 è pronto: Donnarumma tra i pali, Bonucci e Chiellini muro centrale con Spinazzola e Florenzi a chiudere la retroguardia e ad assicurare la spinta giusta sugli esterni. In mezzo al campo, in attesa del recupero di Verratti, le chiavi della manovra le avrà il fresco campione d’Europa Jorginho, ai suoi fianchi l’uomo mercato Locatelli e Barella. Il tridente vedrà Immobile agire da centravanti, Insigne regalerà fantasia partendo da destra, dall’altra parte Berardi ha già vinto il ballottaggio con Chiesa. 

L’esordio è la vera trappola del girone degli azzurri. La Turchia è squadra di talento che sembra aver eliminato quei passaggi a vuoto figli più dell’umore che delle ottime capacità tecniche del gruppo. Sei i risultati utili consecutivi prima di Euro 2020, compreso il 4-2 all’Olanda che ha dato una spinta in più a Calhanoglu e compagni. Proprio il rossonero, insieme all’intramontabile bomber Burak Yilmaz, sarà il cliente da tenere maggiormente d’occhio. In difesa certa la presenza di Demiral, a corto di presenze con la Juventus, ma inamovibile in Nazionale. Gunes proporrà il 4-3-1-2 con il rischio di andare in difficoltà sulle fasce, ma la possibilità di ingolfare la zona nevralgica del campo e quindi togliere idee e palleggio all’Italia. 

Nonostante le idee tattiche del Ct turco, i pronostici calcio di oggi di Wincomparator indicano l’Italia come favorita assoluta della partita. Non potrebbe essere altrimenti, d’altronde, perché giocare in casa è un vantaggio, la qualità della rosa è alta e il morale è in continua salita. Gli azzurri sono pronti, l’entusiasmo è tanto e questa è la prima vera vittoria di Mancini a cui però adesso tutti chiedono un altro step. Salire sul tetto d’Europa per cancellare definitivamente l’onta dell’eliminazione mondiale e voltare finalmente pagina.

Greenpeace

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui