Fotografa emergente Jess Kohl
Ph Jess Kohl

Giunge quasi al suo debutto in terra napoletana l’emergente fotografa britannica Jess Kohl: quasi tutto pronto al PAN di Napoli; le sale del loft al Palazzo delle Arti di Napoli ospiteranno la prima mostra fotografica di Jess Kohl dal titolo italiano “Anime Salve”.

Nel cuore della Campania, Jess Kohl ha cercato e stanato le regine di Scampia che hanno accolto la fotografa prestandosi al suo otturatore. “Anime Salve”, il titolo della mostra fotografica raccontata da Jess Kohl, pone uno sguardo tra le vele di Scampia giungendo e fermando momenti nell’accogliente comunità dei “femminielli”. La fotografa ha voluto intraprendere un percorso lungo le strade di Napoli, luogo in cui il cattolicesimo e la non “conformità di genere” sono riuscite ad accettarsi e vivere in armonia per lungo tempo sino ad oggi. Difatti, la stessa Kohl ha dichiaratoVolevo esplorare se questi atteggiamenti storici di apertura fossero tramandati di generazione in generazione e se contribuiscono a creare tutt’ora un atteggiamento di tolleranza».

La mostra personale di Jess Kohl è curata da Collettivo Zero, un collettivo curatoriale che si è andato a definire nel 2019 a Roma facendo convergere giovani provenienti da numerose città di Italia ed è composto da una moltitudine di professionisti tra cui storici dell’arte, architetti, archeologi, educatori all’arte e laureati in Beni Culturali. Importante contributo, sorto a supporto dei giovani del Collettivo Zero è giunto anche da ShowDesk. La mostra sembra promettere: «È tutto pronto e, dopo un intenso lavoro, riteniamo che la mostra sarà originale ed interessante» – queste le dichiarazioni dei membri di Collettivo Zero; dopotutto Jess Kohl è una fotografa e una regista emergente, i cui reportage sono pubblicati sui più importanti magazine internazionali grazie alla sua capacità visiva di cogliere le varie comunità marginali. Kohl ha centrato i suoi reportage sui diritti di genere e sull’analisi degli ambienti e dei contesti in cui la seguente realtà deve e può necessariamente rapportarsi, giungendo e scoprendo le tante comunità del cosiddetto “terzo sesso”, la fotografa ha poi attraversato e tagliato i territori per approdare nella realtà storica dei “femminielli” partenopei che ha deciso di documentare.

“Anime Salve” racconta la storia di anime solitarie, anime che hanno emozioni, cariche di vissuti che ogni giorno si confrontano con la quotidianità che una comunità periferica può offrire; è un viaggio nella storia, un viaggio che giunge sino ad oggi illuminando spaccati di vita tenuti all’ombra della società civile. Eppure, checché si possa pensare, gli scatti della giovane Jess Kohl mostrano una particolare integrazione della comunità transessuale nel tessuto sociale, senza adoperare quel cult di spettacolarizzare in stile Gomorra, mostrando e dimostrando che nei luoghi del disagio c’è un forte senso di appartenenza, comprensione e umanità. Una mostra che potrebbe fare da trampolino di lancio per una profonda riflessione a livello nazionale, volta ad una politica di integrazione per quanto concerne persone transessuali, necessaria e indispensabile considerando le attività a cui spesso sono costretti a prestarsi.

Inoltre, durante la mostra fotografica “Anime Salve” di Jess Kohl, verrà proiettato in anteprima il trailer del film documentario girato dalla regista a Napoli. La mostra sarà possibile visionarla presso il Palazzo delle Arti di Napoli situato in Via dei Mille 16, la stessa avrà inizio da venerdì 11 settembre e resterà disponibile al pubblico sino a domenica 27 settembre 2020. «Con la mostra proponiamo un percorso che, allontanandosi dallo stereotipo, vuole avvicinare gli sguardi e la sensibilità di ciascuno a un quotidiano ricco di storie diverse, raccontate in un percorso tematico che sicuramente sveleremo e sarà svelato in modo chiaro ai visitatori. È una mostra che si racconta e si può raccontare, ma è soprattutto da vedere e godere. Vi invitiamo tutti al PAN»: queste le parole giunte dal Collettivo Zero.

Bruna Di Dio

Bruna Di Dio
Intraprendente, ostinata, curiosa professionale e fin troppo sensibile e attenta ad ogni particolare, motivo per cui cade spesso in paranoia. Raramente il suo terzo occhio commette errori. In continua crescita e trasformazione attraverso gli altri, ma con pochi ed essenziali punti fermi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui