Le traduzioni dall’italiano all’inglese sul sito di Expo2015 sono davvero imbarazzanti. Già sul Corriere, in un articolo del 1 febbraio scorso, erano stati messi in evidenza i gravi strafalcioni in lingua straniera e la società Expo rispose in questo modo:

“Dalla società Expo […] rispondono spiegando che esiste un team di persone che si dedica soltanto al sito Internet tra cui alcuni traduttori, anche di madrelingua: «Stiamo valutando il da farsi ma è vero, ci sono arrivate alcune segnalazioni. Correggeremo, ma certo non usiamo traduttori automatici»”

Come segnala linkiesta, andando sulla versione italiana del sito di Expo2015 troviamo questa frase:

Regione che vai, progetto che trovi: il dramma dell'inglese di Expo2015

Copiando il titolo e il catenaccio e incollando entrambi sul traduttore automatico di Google, avremo questa traduzione:

Il confronto tra il sito di Expo2015 in inglese e Google Traduttore

Siete curiosi ora di sapere cosa riporta la versione inglese del sito di Expo2015?

Per Expo2015 hanno usato Google Traduttore

Incredibile! E’ uguale, eccetto due minuziose variazioni: “progetto che trovi” è stato tradotto dai professionisti di Expo con “project that you find”, mentre il traduttore automatico suggerisce “project that are”; il termine “imprese”, poi, è stato tradotto dal team di traduttori madrelingua con “business”, anziché “firms”.

Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.