Quest’anno la manifestazione regionale di Libera Campania farà tappa a Pompei/Scafati. Abbiamo intervistato Fabio Giuliani, referente regionale di Libera Campania:

Come procede l’avvicinamento alla marcia del 21 Marzo?

In realtà il percorso di avvicinamento al 21 Marzo di quest’anno è praticamente uguale a quello che facciamo ormai da 22 anni. Essendo questa una manifestazione che coinvolge soprattutto una platea scolastica, noi proviamo già all’apertura dell’anno scolastico a fare attività all’interno delle scuole soprattutto sui percorsi di memoria; in memoria delle vittime innocenti della criminalità portando sia la testimonianza dei familiari e provando a fare con i ragazzi un percorso storiografico sulla vicenda, sia sul fatto delittuoso che su ciò che la vicenda ha poi lasciato dopo, per poi concludere questo percorso con la grande manifestazione del 21 Marzo. Insomma lavoriamo durante tutto l’anno scolastico.

Una connessione dunque davvero molto forte quella tra Libera e gli studenti ..
”Le mafie temono più la scuola che il carcere” diceva Antonino Caponnetto. In questa lotta contro la criminalità organizzata, l’arma principale è rappresentata dalla cultura. Per questo motivo incidere all’interno della scuola, non soltanto attraverso la cultura, ma proprio come agenzia educativa di secondo livello dopo la famiglia significa provare a costruire quello strato di cittadini che non lascino da adulti spazio alle mafie. La scuola è sempre grande elemento di scambio. In questo momento i giovani stanno lanciando un grande grido di dolore e abbandono, poichè noi adulti non riusciamo più a comprendere più i loro codici.

Che cos’è la Camorra oggi e come la si combatte?
La cosa che nel tempo non è mai mutata della criminalità organizzata, come diceva Pio La Torre è l’accumulazione dei capitali, del denaro. Oggi da un lato abbiamo la manovalanza criminale, non commessa più per strada, bensì dal commercialista, l’altra parte è rappresentata dalla politica malsana e l’altra parte ancora dall’impreditoria collusa. Sono questi tre elementi che formano una criminalità organizzata. Poi ci sono forme di rappresentazione diversa a seconda dei territori e del momento in cui vive quella popolazione in quel tempo. In questo momento, nei due unici luoghi in cui si spara ancora sono Foggia (dove si terra la manifestazione nazionale) e la città di Napoli. Non per questo la camorra nelle altre città d’Italia non esite. Sta semplicemente mutando e sta a noi capirne le mutazioni ..

Da 3 anni ormai Libera organizza il 21 Marzo anche in Campania. Perchè quest’anno la scelta è caduta sulla città di Pompei/Scafati?
Mi fa piacere questa domanda. Tre anni fa siamo partiti organizzando il 21 Marzo a carattere provinciale toccando tutte e cinque le provincie perchè era da 20 anni che chiedevamo il 21 Marzo come Legge Nazionale e questa cosa non arrivava. L’anno scorso il 21 Marzo l’abbiamo fatto finalmente con la Legge dello Stato e così abbiamo scelto di farlo in ogni capoluogo simbolo a livello Regionale. Il luogo simbolo di quest’anno è Scafati. L’Agro Nocerino ci è sembrato infatti, un luogo molto simile a Foggia non solo per la questione del caporalato, del lavoro e dello sfruttamento delle terre, ma anche perchè Scafati è sciolta per infiltrazione mafiosa. I cittadini di Scafati si sono svegliati negli ultimi giorni con l’esplosione di bombe. Bisogna accendere i riflettori su una terra della quale se ne parla ancora troppo poco.

Pasquale De Laurentis

Condividi
Articolo precedenteLe elezioni politiche a Salerno: De Luca sconfitto nel Sud in rivolta
Articolo successivoChe cosa fa il consulente del lavoro?
Avatar
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di GENERAZIONE X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica Libero Pensiero, insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II. Dal 16 Aprile 2018 entra nel team di Onda Web Radio, la radio patrocinata ufficialmente dal Comune di Napoli dove torna a condurre GENERAZIONE X.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here