I calciatori del Chelsea festeggiano la vittoria del titolo

Dopo un anno di digiuno il Chelsea ritorna a vincere la Premier League: la cavalcata trionfale degli uomini guidati da Antonio Conte, iniziata ad agosto scorso, ha avuto il suo epilogo venerdì sera sul campo del West Bromwich Albion: il goal vittoria firmato da Batshuayi a pochi minuti dal termine ha scatenato la festa dei blues con due giornate d’anticipo. A fine gara l’ex tecnico della Nazionale si è detto estremamente soddisfatto per essere riuscito a vincere il campionato più difficile al mondo. Inutile dunque la vittoria del Tottenham nel big match di giornata contro il Manchester United: gli spurs hanno dato l’addio nel modo migliore al glorioso “White Hart Lane” che dalla prossima stagione non ospiterà più le gare interne dei londinesi. Il 2-1 firmato da Wanyama e Kane consegna matematicamente al Tottenham il secondo posto in classifica. Balzo in avanti del Liverpool che sconfigge 4-0 il West Ham (Sturridge, doppio Coutinho ed Origi) e si avvicina sempre di più alla qualificazione diretta in Champions League; alle sue spalle, distante un solo punto, insegue il Manchester City che batte 2-1 il Leicester grazie alle reti di David Silva e Gabriel Jesus. Fuori per il momento dalla Champions League l’Arsenal che vince 4-1 sul campo dello Stoke City ma rimane a -3 dai citizens. Vittorie di misura per Everton (1-0 al Watford), Southampton (2-1 al Middlesbrough) e Bournemouth (2-1 al Burnley). La sconfitta per 4-0 dell’Hull City contro il Crystal Palace condanna invece le tigri alla retrocessione. Già in Championship invece Sunderland e Middlesbrough.

Goleada Real: 4-1 al Siviglia

 La doppietta di Ronaldo ed i goal di Nacho Fernandez e Kroos regalano al Real l’ennesima goleada di stagione, permettendo di superare 4-1 al Siviglia e di mettere le mani sul titolo; nel recupero di campionato da giocare in casa del Celta Vigo in settimana e nell’ultima gara in casa del Malaga, i blancos dovranno conquistare almeno 4 punti per essere certi della vittoria. Con il medesimo punteggio, ma in trasferta sul campo del Las Palmas, anche il Barcellona ha fatto il suo dovere: la gara, messa in discesa nel primo tempo dall’uno-due firmato Neymar e Suarez, ha regalato spettacolo anche nella ripresa con il goal dei padroni di casa di Bigas e altre due reti di uno scatenato Neymar. Il pareggio per 1-1 dell’Atlético Madrid sul campo del Betis Siviglia consegna matematicamente ai colchoneros il terzo posto, mentre il Siviglia è ormai certo di disputare i prossimi preliminari di Champions League. Situazione molto più complicata in zona Europa League, dove tutte pareggiano partite casalinghe sulla carta molto abbordabili: 0-0 del Villarreal contro il Deportivo la Coruna, 1-1 dell’Athletic Bilbao contro il Leganes e 2-2 della Real Sociedad contro il Malaga. La classifica dice Villarreal 64 e Atheltic Bilbao e Real Sociedad 63: tutto si deciderà nei 90 minuti finali. In zona retrocessione tutto deciso: oltre a Granada ed Osasuna retrocede matematicamente anche lo Sporting Gijon, nonostante la vittoria per 1-0 sul campo dell’Eibar.

Falcao festeggia la rete numero 20 in campionato

In Ligue One tutto facile per la capolista Monaco che batte 4-0 il Lille (doppio Falcao, Bernardo Silva ed autogoal di Alonso) e si porta ad un passo dal titolo: nel recupero di campionato di mercoledì prossimo contro il Saint Etienne ai monegaschi basterà un punticino per tornare a festeggiare un titolo che manca dalla stagione 1999-2000. Vittoria roboante anche per il Psg, che travolge 5-0 a domicilio proprio “les verts”: sugli scudi ancora Edinson Cavani (ennesima doppietta che lo porta a quota 34 in campionato), Lucas Moura (doppietta anche per lui) e Draxler. Perde in casa per la prima volta in stagione il Nizza, superato 2-0 dall’Angers, mentre il Lione blinda il quarto posto grazie all’1-3 sul campo del Montpellier. Finisce 1-1 lo scontro diretto per l’Europa League tra Bordeaux e Marsiglia. Tutto da decidere invece in zona retrocessione dove in soli quattro punti troviamo ben 5 squadre (Nacy, Bastia, Lorient, Caen e Dijon): si deciderà tutto nell’ultima giornata.

Robben in azione

Goal e spettacolo nel big match della 33esima giornata di Bundesliga tra Lipsia e Bayern Monaco. Una partita inutile ai fini della classifica, giocatà però al massimo da entrambe le squadre e conclusasi con un incredibile 4-5 in favore dei bavaresi: padroni di casa assatanati che concludono il primo tempo sul 3-1 grazie ai goal di Sabitzer, Werner e Poulsen, intervallati dal goal su calcio di rigore di Lewandowski. Nella ripresa il Bayern prova a farsi sotto con Alcantara ma ancora Werner riporta a due i goal di vantaggio. Dall’84esimo al 95esimo succede l’impensabile: il Bayern si scatena e con le reti di Lewandowski, Alaba e Robben conquista un incredibile successo. Frena il Borussia Dortmund (1-1 ad Augsburg) agganciato al terzo posto dall’Hoffenheim (3-5 in casa del Werder Brema) ma ancora avanti grazie al vantaggio degli scontri diretti. Successo fondamentale dell’Herta Berlino sul campo del Darmstadt (0-2), mentre Friburgo e Colonia, impegnate nella rincorsa al’Europa League non vanno oltre il pari contro Ingolstadt e Bayer Leverkusen. Questa spettacolare giornata di Bundesliga sancisce la retrocessione dell’Ingolstadt, mentre per capire chi tra Amburgo, Wolfsburg, Mainz e Augsburg andrà a giocare i playout bisognerà aspettare l’ultima giornata di campionato.

 

Ugo D’Andrea

 

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.