Manganiello

Napoli – Roberto Manganiello, boss del clan Marino dell’area nord di Napoli, è stato arrestato dagli agenti della Squadra Mobile  e del commissariato di Scampia. 

Manganiello, 34 anni, oltre ad essere capoclan, si occupava di estorsioni e di traffico illecito di sostanze stupefacenti. Latitante dal 2013, quando fu emessa nei suoi confronti un’ordinanza di custodia cautelare emessa dall’Autorità Giudiziaria di Napoli. Reati aggravati dalle modalità mafiose, porto e detenzione illegale di armi e concorso in duplice omicidio erano i reati di cui era imputato. 

Era il 28 ottobre 2004 quando Fulvio Montanino e Claudio Salierno, due pezzi grossi del clan Di Lauro, retto allora da Paolo Di Lauro detto Ciruzz’ ‘o milionario, furono uccisi a Napoli. Il fatto, di cui fu ritenuto responsabile  Manganiello, scatenò la prima faida di Scampia: da un lato il clan di Lauro; dall’altro gli Scissionisti, gruppo nato da una costola dello stesso clan Di Lauro, formato da diversi clan camorristi tra i quali quello di cui Manganiello era il reggente ( Amato/Pagano, Abete/Abbinate/Notturno/Marino ).

Roberto Manganiello, nipote del  boss Gennaro Marino, detto Mekkei, noto nelle pagine di cronaca nera per la sua ferocia e brutalità, ha occupato i vertici dell’organizzazione camorristica. La sua “carriera” nel tessuto criminale lo aveva reso uno tra i 100 latitanti più pericolosi e  determinato il suo inserimento nello speciale programma di ricerche del ministero dell’Interno.

Insieme alla compagna, una ragazza di 30 anni, si nascondeva in una località nella provincia casertana. I poliziotti, fingendosi dei pony express, hanno fatto irruzione nell’abitazione dove si nascondeva a Orta d’Atella, in via Lampitelli. Il Manganiello, “interrotto” durante il match Napoli – Inter, non ha avuto via di scampo. Il palazzo era già assediato da una cinquantina di agenti della Squadra Mobile. 

Lucia Ciruzzi 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui