Immigrazione: un fenomeno che tutti conosciamo e di cui tutti siamo coscienti anche senza guardare i tg o leggere i giornali ma, semplicemente, camminando per le strade. Sempre più spesso vediamo nelle nostre città uomini e donne stranieri che cercano di venderci oggetti di tutti i tipi; dagli ombrelli ai teli da mare, dai giochi per bambini alle borse di Prada, ovviamente false. Tuttavia, ciò che non tutti sanno è come sono cambiati i flussi migratori dagli inizi del 2000 ad oggi, passando per l’ultimo governo Berlusconi, le guerre di ribellione in Africa, l’operazione Mare Nostrum e adesso Triton.

Governi Berlusconi (dal 2001-06 e 2008-11). Dal 2001, in Italia la percentuale di stranieri regolari era del 23,4%. Durante gli ultimi due Esecutivi dell’ex-Cav, i dati ISTAT ci rivelano che l’immigrazione regolare è salita fino a rappresentare nel 2011, il 6,78% della popolazione residente in Italia. Strano, invece, è il dato sull’immigrazione clandestina in questo periodo di tempo, infatti dall’1 agosto 2008 al 31 luglio 2009 sono sbarcati nel nostro Paese, 29.076 persone e, tra il 2009 e il 2010, i clandestini si sono ridotti drasticamente fino ad arrivare a poco più di tre mila persone: 3.499. Di nuovo un picco tra il 2011-12, con 17.365 migranti e il 10 agosto scorso i clandestini in cerca di fortuna erano 24.277.

Governo Monti (2011-2013). Nel 2012, si contano 5 milioni e 11 mila gli immigrati in Italia contro i 4 milioni e 968 mila del 2011 sotto l’Esecutivo Berlusconi. Tuttavia, nel 2011, i permessi di soggiorno ritenuti validi per il 2010 sono stati 262.688 che, dopo essere scaduti, non sono risultati rinnovati, con conseguenti rimpatri non voluti o immigrati divenuti irregolari. La Corte europea dei diritti umani di Strasburgo condannò il nostro Stato per i respingimenti verso la Libia il 23 febbraio con la sentenza sul caso “Hirsi e altri contro Italia”. Il nostro Paese è stato condannato a versare un risarcimento di 15 mila euro più le spese a 22 delle 24 vittime, in quanto due ricorsi non sono stati giudicati ammissibili. Ma a ottobre, la Federazione internazionale dei diritti umani (Fidh) ha denunciato che i respingimenti continuano: «È legittimo il sospetto che i respingimenti nel Mediterraneo verso la Libia proseguano nonostante l’ultima sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo». Molto semplicemente: Monti ha dovuto risentire dei contraccolpi a lungo termine delle riforme messe in atto da Berlusconi che avevano momentaneamente bloccato il flusso di immigrazione.

Governo Letta e Mare Nostrum (2013-2014): Nonostante l’inizio dell’Operazione Mare Nostrum, nell’anno del Governo Letta, le immigrazioni dall’estero sono state 307 mila, 43 mila meno dell’anno precedente (-12,3%). Un pò più scoraggiante, sono i dati circa l’immigrazione clandestina. Infatti dal 1 gennaio al 31 dicembre 2013 sulle coste italiane sono sbarcati 42.925 migranti. Una piccola invasione soprattutto se la si paragona a quanto registrato nel 2012 quando gli arrivi furono poco sopra i 13 mila. Secondo questi dati, quindi, il numero degli sbarchi rispetto al 2012 è triplicato. Le cause di ciò? Sicuramente l’operazione Mare Nostrum.

Governo Renzi (2014 – ???): Sul versante migratorio, il Governo Renzi si è rivelato il peggiore di tutti. Infatti, a Maggio la Frontex, l’ente europeo che dovrebbe supportare le navi italiane di Mare Nostrum, nel suo rapporto scrive “Nei primi 4 mesi del 2014 c’è stato un aumento dell’823% di arrivi verso l’Italia rispetto allo stesso periodo del 2013″. Di fatto, dal mese di gennaio a quello di aprile sono stati registrati circa 25.650 arrivi in Sicilia e 660 in Puglia e Calabria.
«Non è stato possibile usare il sistema europeo per il controllo delle frontiere, l’Eurosur, per l’ultima tragedia dei migranti. Si tratta di una piattaforma per lo scambio dati e funziona nella misura in cui i dati vi vengono immessi. Ritengo che le autorità italiane non abbiano potuto vedere i barconi affondare, altrimenti la situazione poteva essere evitata», ha dichiarato in seguito il vicedirettore di Frontex Gil Arias Fernandez in una conferenza stampa a Bruxelles per presentare i dati dell’Agenzia. Probabilmente a seguito di questi fatti, il Ministro dell’Interno Alfano ha sospeso l’operazione Mare Nostrum e dato inizio all’operazione Triton con la quale il costo diminuisce e il comando passa dall’Esercito Italiano a Frontex, quindi all’Europa. Non sono state fatte previsioni sulle cifre né grandi annunci. Il risultato? Lo scopriremo solo vivendo..

Federico Rossi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui