Sono ancora in atto gli scontri tra la Regione Campania ed il Comune di Napoli per quanto riguarda la realizzazione dell’impianto di compostaggio a Scampia.

È importante sottolineare, però, che questo impianto è molto diverso dalle discariche di cui sentiamo spesso parlare che causano frequentemente problemi alla salute dei cittadini; il compostaggio servirebbe infatti a trasformare i rifiuti di umido, scarti di produzione agricola ed industriale biodegradabili in concime o terriccio ed i rischi sono nulli.

Nonostante ciò, l’idea del Comune di Napoli di porre il nuovo centro di lavorazione dell’umido e produzione di composit in viale della Resistenza a Scampia è bocciata e i fronti di dibattito si schierano: Giovanni Tammaro di “Napoli l’altra” trova ingiusta la costruzione del sito a Scampia ed infatti afferma: “Perché Scampia deve risultare la pattumiera di tutti i problemi della città? Perché realizzare un sito proprio qui, in una zona così densamente abitata, a cinquanta metri da una scuola materna?”. D’altra opinione è il Dott. Roberto Cavallo, uno dei massimi esperti in questo campo, che in un’intervista per NapoliToday ha dato esaurienti spiegazioni riguardo la sua posizione verso la nascita dell’impianto: “Un impianto di compostaggio presenta rischi zero per la salute dei cittadini. Parliamo di impianti che trattano umido, scarti di cucina e di giardino. Il processo di trasformazione, poi, avviene a temperature basse, fino ad un massimo di 70 gradi”.

Ovviamente in questi casi, per permettere il perfetto funzionamento del compostaggio, è assolutamente necessario che la raccolta differenziata sia fatta in maniera impeccabile e che la fase di stoccaggio sia ben organizzata; se così non fosse si riscontrerebbe l’unico danno che l’impianto potrebbe provocare: il cattivo odore. Ma il Dottore tiene a specificare: “L’odore del compost è simile a quello che possiamo sentire in un bosco. Può piacere o meno, ma sicuramente si tratta di un odore per niente dannoso alla salute.”

Cavallo, per continuare a sostenere l’importanza del compostaggio, dà un’ulteriore idea: “Il futuro, che è già il presente in molte grandi città europee come Stoccolma, Oslo, Goteborg, Nantes, Zurigo, Barcellona, sono dei micro-impianti di compostaggio di quartiere da un massimo di 100 tonnellate. Ogni condominio ha la sua piccola compostiera elettrica all’interno della quale i cittadini versano direttamente l’umido. Alcuni esempi di utilizzo di compostiere elettromeccaniche possiamo trovarli anche in Campania, nei comuni di Cuccaro Vetere e Casalvelino. Bisogna capire che il compostaggio non solo non è rischioso, ma rappresenta una bella opportunità di risparmio economico e un’occasione in più per salvaguardare la nostra splendida terra.”

Daniela Diodato

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.