calvizzano
calvizzano

Si è tenuto a Calvizzano – piccolo comune della periferia nord di Napoli – un gazebo informativo sull’ampliamento di un impianto di stoccaggio di rifiuti speciali. Promotore dell’iniziativa è il comitato “Stop Antenne” che già in passato si è speso contro l’installazione di ripetitori telefonici, potenzialmente molto dannosi, sul’area di Calvizzano.

Sono molto allarmanti, infatti, i dati che testimoniano una crescita esponenziale negli ultimi anni di morti per tumore, problema spesso ignorato dall’amministrazione. È in questa situazione di allerta (non percepita da buona parte dei cittadini) che si configura l’ampliamento dell’impianto di stoccaggio di V.le della Resistenza (Calvizzano) e la “Commissione tutela ambientale”, istituita circa un anno fa e formata da membri della maggioranza del consiglio comunale, due della minoranza e da tre rappresentati dei cittadini, ha sollecitato inutilmente la giunta per ricevere i documenti sul progetto di ampliamento del sito.

Il silenzio, però, è stato rotto domenica scorsa quando – grazie al’iniziativa promossa dai ragazzi del comitato – sono stati in tanti ad informarsi su cosa sta accadendo nel territorio comunale ed è stata lanciata una raccolta firme che dura tuttora. Ma a qualcuno tutto ciò non è piaciuto: l’amministrazione, in risposta al’iniziativa, ha affisso dei manifesti che invitano i cittadini a partecipare alla seduta del consiglio comunale di venerdì 25 marzo per discutere e riprogrammare il funzionamento della commissione ambiente accusata (insieme al comitato “Stop Antenne”) di faziosità e demagogia su temi inerenti la salute. Dunque si preannuncia una discussione tesa anche se l’auspicio è che alla fine della vicenda non dovranno essere – come al solito – i cittadini vittime di una discussione sulle tematiche ambientali, ma che rischia di diventare una strumentale battaglia politica.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui