migranti

Vittorio Arrigoni diceva: “Io non credo nei confini, nelle barriere, nelle bandiere, credo che apparteniamo tutti alla stessa famiglia che è la famiglia umana”.

Napoli. Sono circa le 8,00 del mattino. Il sole è tiepido. Al porto è già cominciato il solito via vai. Al molo 21 approda una nave, la “ Bruno Gregoretti”, questa trasporta 463 migranti.

Tra i migranti – approdati stamane sul suolo partenopeo – centrafricani, eritrei, somali, afghani e maghrebini. Almeno una trentina i minori non accompagnati. La prima a scendere è stata una donna di ventiquattro anni incinta, morta durante il viaggio.

Dopo la salma della donna sono scesi tutti gli altri. Impauriti,  affamati, malati, senza scarpe o indumenti, infreddoliti. Nei loro sguardi, pieni di dolore, si legge speranza.

I migranti sono stati accolti dal prefetto Gerarda Pantalone e dal vicesindaco Raffaele Del Giudice. Governo, Asl, Regione e Comune hanno messo in piedi un’imponente macchina per il soccorso che ha dimostrato una grande efficienza.

A scendere in campo, oggi, circa mille persone, tra militari, medici, volontari e protezione civile. Cibo, bevande e vestiario sono stati distribuiti durante le visite mediche previste dal protocollo e durante le operazioni di identificazione.

I 463 migranti arrivati a Napoli troveranno alloggio presso i centri di prima accoglienza e le altre strutture individuate dalle Prefetture tra le province di Napoli, Salerno e Caserta. Un’altra parte, invece, verrà trasferita in altre regioni del Centro e del Sud.

”La macchina organizzativa sta funzionando alla perfezione – dice il prefetto – sono impegnati uomini e mezzi di vari enti e associazioni di volontariato come Croce Rossa, Protezione civile della Regione, Comune, Caritas oltre alle forze dell’ordine”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui