Breve storia italiana
Breve storia italiana

“La mia polacca è della Romania”
“La mia è filippina”

No, non è una barzelletta, è successo davvero. Testimone una polacca. Ma non una badante. Una polacca, una polacca, una donna proveniente dalla Polonia. Ebbene sì, negli ultimi tempi il termine è diventato tristemente sinonimo di “badante”, almeno al Sud Italia. E che dire di termini come “clandestino” ed “extracomunitario”?

In questo momento sarei davvero curiosa di sapere che immagine mentale vi si è creata nel leggere le due parole. Scommetto che abbiate pensato ad un immigrato nordafricano o sub-sahariano, preferibilmente povero. Ma perché?

Clandestino” è solo colui che non ha i documenti. Ma è un criminale secondo una legge, la Bossi-Fini, che identifica in lui un pericolo per lo Stato, al punto di meritare per questo il carcere. L’”extracomunitario”, poi, è semplicemente colui che proviene da un paese che è fuori dalla comunità europea. E allora perché continuiamo a chiamare come extracomunitari tutti i disperati che vengono nel nostro paese alla ricerca di salvezza? Ho sentito chiamare “extracomunitari” anche coloro che provenivano dall’Est Europa. 

“Toh, un extracomunitario svizzero”: questa sì che invece è una barzelletta. Non la racconta ancora nessuno però. Lo svizzero, invece, è sì un extracomunitario. E lo sono anche, per esempio, norvegesi e islandesi. E se decido che voglio una foto di un extracomunitario, Google, da buon servitore, mi offre ciò che come italiano mi aspetto di vedere: mai un volto pallido, solo visi distrutti di disperati neri in cerca di felicità.

 

Roberta Migliaccio
MamAfrica

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui