Succede a volte che anche i più grandi show facciano cilecca. Durante l’89° edizione degli Accademy Awards è successo praticamente di tutto. La serata, presentata da un Jimmy Kimmel non particolarmente brillante, ha regalato una grande e sorprendente fase finale.

Al momento della consegna per la statuetta di Miglior Film, Faye Dunaway e Warren Beatty, annunciano un vincitore: La La Land. Tutto sembrerebbe andare come dovrebbe: i produttori del film di Chazelle con l’intero cast salgono sul palco, ringraziano amici, mogli, figli e così via. Un membro dell’Accademy però li interrompe: la busta era sbagliata, non sono loro i vincitori.

I due presentatori avevano, per sbaglio, ricevuto la busta per la miglior attrice protagonista, ultimo premio ad essere assegnato in ordine di tempo. Il vero vincitore degli Oscar 2017 è Moonlight. Così, nell’imbarazzo generale, i produttori di Chazelle lasciano il palco al regista di Moonlight consegnando, di fatto, loro stessi la statuetta al collega.

Nonostante questa enorme gaffe, La La Land porta a casa ben sei statuette tra cui la miglior regia (Chazelle è il più giovane regista a vincere questo premio, a soli 32 anni) e miglior attrice (definitiva consacrazione per Emma Stone). Moonlight, dal canto suo risponde con tre pesantissime statuette: miglior film, come detto, miglior sceneggiatura non originale e miglior attore non protagonista a Mahershala Ali.

I temi degli Oscar 2017 sono stati praticamente due: Oscar so White dell’anno scorso, completamente ribaltato quest’anno, e ovviamente il nuovo Presidente degli Stati Uniti Donald Trump. Ad ampliare il tutto ci sono state anche diverse assegnazioni fortemente politiche: su tutte la vittoria per Il cliente di Asghard Farhadi che non era presente al Kodak Theatre per protesta contro i decreti del presidente neoeletto.

Come i più grandi show televisivi, dunque, anche la cerimonia di quest’anno non ha disatteso le aspettative. L’errore finale, che molti pensano essere una trovata pubblicitaria, ma che forse è semplicemente un errore fatto in buona fede, ha reso questa cerimonia memorabile. I tre film con più statuette, La La Land (8), Moonlight (3) e il bellissimo Manchester by the sea (2) contrassegnano un anno virtuoso e vario per il cinema americano.

Andrea Piretti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.