Francesco Palmieri e Rosanna Bernardo sono i due editori di Onda Web radio, progetto nato nel 2015 per dare spazio ai giovani che sognano, un giorno, di poter fare radio ed ascoltare le loro canzoni trasmesse in radio.
Libero Pensiero News ha effettuato una bella chiacchierata con gli editori di Onda Web radio. Di seguito l’intervista:

Come e quando è nata Onda Web radio?
L’idea nasce nel 2015, soprattutto per dare spazio ai giovani e riportare la radio a lavorare come negli anni 80. Passione, divertimento e tanta tanta umiltà sono le caratteristiche che ci hanno portato a fondare Onda Web radio.

Onda Web radio è patrocinata dal Comune di Napoli. In che modo ne siete entrati in contatto?
Si siamo ufficialmente patrocinati dal Comune di Napoli. Nel momento in cui decidemmo di far nascere Onda Web radio mandammo semplicemente una mail all’Assessorato ai Giovani del Comune di Napoli nella persona di Alessandra Clemente dove spiegavamo la nostra idea. Chiedevamo infatti, uno spazio all’interno della Casa della Cultura e dei Giovani che era nata da poco ed era ancora priva di affluenza. Ci fu concesso un piccolo spazio dove abbiamo iniziato i primi mesi, poi ci siamo spostati in questo spazio più grande.

Oltre al canale principale Onda Web radio esistono altri due canali Onda web Napoli e un terzo in fase di lancio. Quali programmi sono attualmente in onda?
La radio principale come dicevi è appunto Onda Web radio, una radio a 360 gradi perchè appoggia tutti i programmi e tutti i generi musicali e spazia ovunque. Ovviamente parlando di una web radio il pubblico te lo devi anche un po’ creare così abbiamo pensato di canalizzare le radio e ad ogni compleanno della radio portiamo una novità. Al primo anno abbiamo lanciato Onda web Napoli, una radio prettamente napoletana, dove la musica è napoletana, dal classico all’evergreen fino al contemporaneo, non neomelodico dove gli aneddoti fossero esclusivamente tratti dai film di Troisi, Totò e la Loren, dove i programmi parlassero solo ed esclusivamente di Napoli città; una Napoli bella, ma proiettata nel mondo. Radio napoletane non ve ne sono. L’idea invece di lanciare la terza radio è prevista per Ottobre 2018 e sarà una radio tutta in vinile con spazio alla musica di anni 70 e 80.

Francesco e Rosanna hanno vissuto il quartiere di Pianura…
Francesco – Nasco in questo quartiere artisticamente ed ho dovuto fare tutta la gavetta andando anche via da Napoli. Nel momento in cui il mio sogno si è avverato sono tornato nel mio quartiere e sentivo di dare qualcosa ed ecco l’idea di Onda web radio.
Rosanna – Cresco a Pianura. Non ho nulla di artista, se non l’iscrizione ad un centro giovanile di zona dove facevo corsi di teatro. Con gli anni ho ritrovato Francesco, ma siamo amici da 30 anni. Lui (Francesco) aveva da poco iniziato questo progetto e mi insegna tutto. Mi occupavo del commerciale, mentre dopo un po’, nel mese di Luglio l’ho affiancato come editrice condividendo tutto al 50%.
Francesco – A Rosanna subentrò un problema alle corde vocali antecedente al suo impegno in radio per cui fu operata ed è dovuta stare 4 mesi ferma. Dopo è tornata più forte di prima.

Oltre la radio voi andate anche in giro a promozionare eventi…
Promozioniamo tutto quello che è importante. Il primo anno abbiamo fatto anche quello che non era importante allo scopo di far conoscere Onda web radio, mentre lo scorso anno abbiamo curato un po’ tutti i teatri a Napoli, tra cui il Cilea dove siamo stati la radio ufficiale, abbiamo curato l’Augusteo e in alcuni casi al Palapartenope stando a contatto con i migliori artisti, tra cui Nino D’angelo, I Matia Bazar, Sal Da Vinci e Ale e Franz. Ci siamo canalizzati anche all’interno di Made in Sud e Un Post al Sole. Siamo stati anche organizzatori di eventi; per tre anni nella Basilica di San lorenzo Maggiore abbiamo curato la Direzione Artistica del san lorenzo Day. Due anni fa abbiamo organizzato uno spettacolo che ci fu commissionato da Gigi d’Alessio con artisti. Quest’anno con l’evento ModArte abbiamo inaugurato la radio a Piazza Plebiscito.

Che futuro per le radio in Italia?
Oggi fare radio non vuol dire più vivere la stessa. La nostra idea invece è proprio vivere la radio e arrivare ai nostri ascoltatori anche nei fuori onda, nei beckstage ed andare a creare un gruppo di persone che si vede anche al di fuori della radio.
Sembrava un’idea un po’ azzardata la nostra, quella di creare una web radio ed invece nel giro di 4-5 anni la musica ha avuto un’evoluzione ed io ho pensato che la stessa cosa poteva accadere per la web radio. La differenza tra fm e web radio in termini di piccole radio non esiste e con l’avvento delle internet radio e tutto il mondo tecnologico, le web radio sono destinate a crescere.

ASCOLTA ONDA WEB RADIO

ASCOLTA ONDA WEB NAPOLI

Pasquale De Laurentis

Condividi
Articolo precedenteSe il Me Too diventa il peggior nemico delle donne
Articolo successivoPiù giovani e donne, meno politica di mestiere: il Parlamento ai raggi X
Avatar
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di GENERAZIONE X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica Libero Pensiero, insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II. Dal 16 Aprile 2018 entra nel team di Onda Web Radio, la radio patrocinata ufficialmente dal Comune di Napoli dove torna a condurre GENERAZIONE X.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here