ArtRockMuseum Bologna Palazzo Pepoli musica
ArtRockMuseum a Bologna -Palazzo Pepoli

Si appresta a tornare a Bologna la nuova edizione della rassegna musicale unica nel suo genere, ArtRockMuseum – Suoni nuovi a Palazzo Pepoli. Ideata da Pierfrancesco Pacoda e sostenuta da Fondazione Carisbo e Genus Bononiae, ArtRockMuseum rientra nel progetto a cura di Genus Bononiae. Musei nella Città, un «percorso culturale, artistico e museale» nato con l’intento di restaurare e riportare a nuova vita palazzi storici situati nel cuore del capoluogo emiliano.

Dal 7 marzo al 18 aprile, per sette giovedì consecutivi, Palazzo Pepoli, il Museo della storia di Bologna, ospiterà in una cornice artistica d’eccezione i talenti emergenti della scena musicale indipendente italiana, alternando informali presentazioni degli artisti a loro esibizioni live. L’edizione 2019 di ArtRockMuseum porta con sé una novità anche per gli amanti dell’arte: durante tutti i giovedì dediti all’evento, Palazzo Pepoli resterà aperto fino alle ore 23 e, per chi volesse visitare il Museo della storia di Bologna, sarà possibile usufruire del biglietto d’ingresso ridotto a partire dalle ore 17. Gratuito, invece, è l’ingresso ai live.

«Che la musica sia un linguaggio universale non è solo un dato acquisito dal punto di vista della percezione immediata del singolo, ma anche dimostrato dal punto di vista scientifico. Risale allo scorso anno uno studio condotto da un ricercatore della Harvard University, che ha mostrato come persone provenienti da differenti parti del mondo e differenti culture e società fossero in grado di riconoscere la funzione di una musica – per ballare, tranquillizzare un neonato, piangere un morto o raccontare una storia – dopo un ascolto rapidissimo, come se esistessero alcune strutture musicali intrinsecamente correlate alle emozioni, in grado di trascendere le differenze. In un’epoca in cui la comunicazione è spesso soverchiante, gridata, confusa, la musica resta il veicolo più potente di contatto tra gli esseri umani. La musica, così come la cultura. Ecco perché Genus Bononiae. Musei nella città sostiene con forza una manifestazione come ArtRockMuseum che celebra la musica come linguaggio della condivisione, e lo fa aprendo le porte di Palazzo Pepoli, custode di secoli di storia della nostra città, ad un pubblico soprattutto di giovani e giovanissimi, che ci auguriamo sappiano cogliere la bellezza di questo legame tra il passato, il presente e il futuro».

Con queste parole, Fabio Roversi Monaco, presidente Genus Bononiae. Musei nella città, ha presentato con entusiasmo l’evento augurandosi che un’iniziativa come quella di ArtRockMuseum possa educare alla cultura, nelle diverse sfaccettature universali di musica e arte, riconfermando Bologna come culla di idee costruite per i giovani ma adatte ad ogni età.

Il programma prevede il susseguirsi di grandi artisti del panorama musicale italiano, amati dal pubblico.

ArtRockMuseum Bologna Palazzo Pepoli musica
Her Skin

Alla serata d’inaugurazione, il 7 marzo, sarà presente Her Skin, nome d’arte di Sara Ammendolia, dal 2016 co-fondatrice di Tempura Dischi e voce dell’album Find a Place to Sleep, uscito nel febbraio 2018 per We Were Never Being Boring.

ArtRockMuseum Bologna Palazzo Pepoli musica
La Rappresentante di Lista

Il 14 marzo a salire sul palco sarà la band La Rappresentante di Lista, nata nel 2011 dall’incontro tra Veronica Lucchesi, attrice teatrale, e il chitarrista Dario Mangiaracina. Il primo album è del 2014, pubblicato dalla bolognese Garrincha Dischi e candidato alle Targhe Tenco come miglior esordiente. Nel corso degli anni si aggiungono il trombettista Enrico Lupi, la percussionista Marta Cannuscio e Erika Lucchesi, sorella di Veronica. Frutto del lavoro con il produttore Fabio Gargiulo è il terzo album Go Go Diva, uscito il 14 dicembre 2018 per Woodworm label. Uno stile sui generis ed eccentrico per un risalutato fuori dalle righe: folklore, istinto e forza.

Il 21 marzo si esibiranno i tre vincitori dell’ArtRockMuseum Contest 2019: dopo una prima selezione tramite voto sui social, saranno designati i vincitori da una giuria di esperti presieduta da Pacoda e composta da giornalisti, discografici e, tra gli altri, musicisti quali Rancore ed Emidio Clementi.

da giornalisti e discografici
Campos

Giovedì 28 marzo si esibiranno i Campos, trio pisano al secondo album dal titolo Umani, vento e piante.
Disco indie ispirato ad un profondo studio del linguaggio in accordo con nuove sperimentazioni sound nate dall’incontro della chitarra acustica, del basso e delle percussioni elettroniche di Simone Bettin, Davide Barbafiera e dell’ultima recluta, Tommaso Tanzini. 

ArtRockMuseum Bologna Palazzo Pepoli musica
Maria Antonietta

Il 4 aprile sarà la volta di Maria Antonietta, delle voci femminili rock senza dubbio tra le più forti nell’attuale scena cantautorale italiana. Dopo un lungo tour e reading dedicati a scrittrici e poetesse, è uscito il 30 marzo 2018 per La Tempesta Dischi – con distribuzione Believe – il suo ultimo disco, Deluderti, prodotto insieme a Giovanni Imparato (Colombre).

ArtRockMuseum Bologna Palazzo Pepoli musica
Cimini

L’appuntamento di giovedì 11 aprile vedrà protagonista Cimini, il noto artista calabrese trasferitosi a Bologna, con il suo album Ancora Meglio, edito nel marzo 2018 da Garrincha Dischi e che ha visto la collaborazione e il supporto tecnico di molti amici di Cimini, tra cui Lodo Guenzi de Lo stato sociale, impegnato nella revisione dei testi e nell’arrangiamento delle chitarre elettriche, e Calcutta, che ne ha ritoccato l’interpretazione vocale.

ArtRockMuseum Bologna Palazzo Pepoli musica
Rumba de Bodas

L’ultima serata in programma, giovedì 18 aprile, avrà come ospite un gruppo di giovani musicisti bolognesi nato nel 2008, i Rumba de Bodas. Un mix scatenato di funk, soul e musica latina che rievoca le caleidoscopiche luci della disco music passando da un ritmo ska ad un animo punk e rimarcando un versatile approccio alla composizione e all’arrangiamento. Super Power è la loro ultima fatica, uscita nel 2018 per la prima volta con un’etichetta discografica, la IRMA Records.

Per questa quinta edizione di ArtRockMuseum, gli allestimenti di Palazzo Pepoli, sono stati curati da Freak Andò, antiquariato di design. Si riconferma, invece, la partnership con l’Accademia di Belle Arti di Bologna, ai cui studenti è stata affidata la produzione di video e riprese live delle serate.

Dunque, tanto spazio ai giovani e ai talenti esordienti per un incontro con l’arte e la musica: generazioni e interessi differenti in appuntamento intelligente che conduce il nuovo nell’antica casa delle storia.

ArtRockMuseum, un ossimorico rendez-vous dalle tonalità rockeggianti.

Pamela Valerio

CONDIVIDI
Avatar
Laureata in Filologia Classica a Bologna e sostenitrice dell'arte sotto ogni sua forma. Amo la scrittura, la musica, le mostre, il teatro e mi piacerebbe condividere questo patrimonio con qualche nota fuori dal coro: sulla scia del rispettoso ossequio per l'antico, mi avvalgo di una curiosa simpatia per il moderno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here