Napoli – Ennesimo agguato di camorra avvenuto ieri sera, intorno alle 22.30, tra Miano e Piscinola, periferia nord della città.

Aniello Di Napoli, 46 anni, si trovava alla guida della sua Fiat Panda nera in Via Janfolla, all’altezza del civico 393, quando i killer l’hanno raggiunto ed hanno aperto il fuoco. Inutile il tentativo del 118 di trasportarlo all’Ospedale Cardarelli, l’uomo è morto durante il tragitto in ambulanza.

Di Napoli era già noto alle forze dell’ordine per i suoi precedenti per droga, ricettazione e, soprattutto, per essere vicino al clan Lo Russo che predomina quella zona della città. Il 9 dicembre, infatti, era stato fatto fuori un altro componente della sua famiglia, il figlio Vincenzo, raggiunto allo stesso modo dai sicari in Via Miano.

Gli investigatori indagano per ricostruire le dinamiche dell’esecuzione e per cercare di capire se vi sia una connessione tra l’uccisione di Di Napoli e l’agguato al clan Vastarella avvenuto lo scorso venerdì sera nel quartiere Sanità. Se così fosse, si potrebbe pensare a delle rivendicazioni tra clan rivali.

Con la morte di Aniello Di Napoli arriva a 14 il numero degli omicidi di stampo camorristico dall’inizio del 2016, il quarto solo ad aprile.

Flora Visone

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui