ITALIA – Legge di stabilità, un notevole dietro-front su questa mossa, la quale prevedeva di abolire i commissari esterni per incamerare i 140 milioni di euro che sono spesi per effettuare gli esami.
La legge proposta dal DDL era partita dalla Ragioneria dello Stato per poi arrivare al Quirinale e ciò che si prevedeva era che, nel 2015, le nuove commissioni d’esame fossero formate da ben sei membri interni e solo uno esterno: il presidente di commissione ed è così che essa av rebbe portato a un risparmio di circa 147 milioni di euro, salvo i 40 per i presidenti.
Subito malcontento fra i professori della “vecchia scuola” e non solo, i quali hanno reclamato in più di 5.200 usando come arma di protesta la propria firma. La petizione è stata presentata sul sito change.org da Giorgio Allulli, già responsabile del Reference Point Nazionale per la qualità dell’Isfol.
Egli si è detto più che soddisfatto, dato che a prevalere, sono state delle cause giuste.
La petizione, da lui promossa, non era finalizzata a continuare sulla strada del conservatorismo, poiché, ben si sa che c’è molto da riformare a livello scolastico ma senza dubbio essa debba avvenire senza tagli ma partendo da riforme interne e, soprattutto da scelte meditate. Il responsabile del Reference Point Nazionale pensa ad alcune proposte: «Per esempio si può pensare alla correzione centralizzata delle prove d’esame, come si fa in Germania, in Francia, in Gran Bretagna». Quello che è certo – sostiene ancora – «è che in nessun modo il risparmio può giustificare la lesione del principio di una valutazione esterna degli alunni».
La riforma, oltre che portare un malcontento fra i commissari esterni, aveva portato una ventata di “cattive notizie” anche agli interni, i quali, non avrebbero ricevuto alcun vantaggio da essa.
«Molti dei supplenti annuali, con scadenza del contratto a giugno, presenziano ogni anno agli esami di maturità – faceva notare il portale Skuola.net -. Che cosa accadrà quindi all’esame di Stato 2015, nel caso in cui il supplente finisce il suo lavoro con il mese di giugno e non viene pagato per restare in cattedra anche a luglio?».
In ogni caso, il Ministro Giannini stesso ha annunciato che a gennaio si tornerà a riparlare della struttura del nuovo esame di maturità il quale potrà ancora una volta risultare inadatto alle aspettative comuni.

Claudia Polo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui