“TRACCE DI CULTURA”: recensione mostra “Boldini, lo spettacolo della modernità – Dai macchiaioli a Parigi”

Musei di San Domenico, Forlì, dal 1 febbraio 2015-al 14 giugno 2015

 

Una grande mostra ai musei di San Domenico a Forlì intitolata “Boldini e lo spettacolo della modernità”, una bellissima retrospettiva dedicata a Giovanni Boldini. Nella rassegna sono presenti 200 quadri del pittore ferrarese e 50 opere di artisti che si sono potuti confrontare con la pittura di Giovanni Boldini: Van Dick, Goya, Degas, Helleu, Modigliani, De Nittis, Corcos, Zandomeneghi, De Tivoli, Cecioni, Signorini. Una mostra ampissima quindi, con tantissime opere da gustare grazie alla curatrice Francesca Dini e Fernando Mazzocca, con la direzione generale di Gianfranco Brunelli e la collaborazione di Antonio Paolucci.

La fondazione e i musei di San Domenico continuano così nella loro esplorazione della cultura figurativa dell’800 e del ‘900. È la decima rassegna artistica allestita nella città romagnola, che si è collocata fra le prime cinque città italiane per mostre di alto livello. Giovanni Boldini ebbe un enorme successo nella sua epoca, specialmente in Francia, e divenne amico di personalità influenti quali Proust, Degas e i fratelli Goncourt; era richiestissimo nei salotti di tutta Europa e fu apprezzato per quel suo fiuto nel sapere imprimere su tela la realtà che lo circondava, sapeva egli cogliere quel “mood”, quelle atmosfere dell’epoca. In questa mostra non ci sono solo i dipinti di Boldini ma anche la sua straordinaria produzione grafica tra disegni, acquarelli e incisioni.

Di grande interesse le opere realizzate a Firenze dove soggiornò dal 1864 e dove sviluppò la sua tematica di evoluzione riguardo il movimento dei cosiddetti “macchiaioli”ponendovi la sua impronta; ecco quindi il titolo della mostra che è “dai macchiaioli a Parigi”. Nel 1869 Boldini si recò a Londra e nel 1872 si stabilì definitivamente a Parigi, dove la vita mondana e la vitalità della capitale francese lo rapirono. La sua arte entrò così con la sua dinamicità e perfezione nel xx secolo divenendo uno dei più grandi pittori italiani dell’800 e del ‘900. La novità di questa mostra è la riscoperta della prima stagione pittorica del pittore ferrarese, ovvero quella relativa al periodo trascorso a Firenze tra il 1864 e il 1869; in questo periodo Boldini si dedicò appunto alla realizzazione di scene di vita agreste e paesaggi toscani avvicinandolo appunto alla tematica dei “macchiaioli”, che lui comunque sviluppò in maniera personale.

La mostra si chiude con una sezione dedicata al ritratto mondano di donne e uomini dell’epoca, un genere dove Boldini divenne il maestro per eccellenza. L’ultima novità della mostra riguarda il confronto tra il pittore e le opere scultoree di Paolo Tranbetzkoy in un confronto iconografico assolutamente interessante e che spinge a vedere questa bellissima mostra anche solo per questa chicca.

Daniela Merola

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.