Baronissi ha dato il via ai lavori di illuminazione pubblica “multi-led”. Con tale importante iniziativa, sarà possibile una forte riduzione nei costi e un miglioramento nella qualità ambientale.

 

foto 1

 

 

Il comune di Baronissi ha deciso di illuminarsi al 100% Led.  Una scelta di risparmio energetico, nonché un importante traguardo quello raggiunto dal comune, il quale si pone come la prima città campana e tra le poche in Italia ad adottare tale sistema di illuminazione pubblica alternativa “Multi-Led” . I lavori, la cui durata prevista è di circa 6 mesi, sono iniziati ieri mattina a cura della società aggiudicataria del bando, la Selettra Spa di Avignano, e hanno preso luogo a partire dalle frazioni di Caprecano e Fusara. L’operazione, prevede la sostituzione dei 4780 punti di illuminazione della città con una nuova tecnologia “Multi- Led” più sostenibile e meno costosa. Lo stesso sindaco della città, Gianfranco Valiante, ha reso noti gli innumerevoli vantaggi di cui il comune potrà beneficiare, affermando:

“Baronissi sarà tra i primi comuni italiani a essere completamente illuminato dai Led e senza inquinamento luminoso, con una riduzione significativa delle emissioni, l’adeguamento e la messa in sicurezza di tutti gli impianti, la riduzione del rischio elettrico e dell’incidenza dei guasti. Il sistema assicura una semplificazione delle attività di gestione e manutenzione – che adesso sarà curata direttamente dal concessionario con un forte risparmio economico per l’Ente – l’informatizzazione di tutti gli impianti e un’elevata efficienza luminosa. E’ un momento storico per la nostra città”.

 

L’intervento, il cui obiettivo generale consiste nell’ammodernamento degli impianti di illuminazione del comune sarà a costo zero, includerà la ristrutturazione dei pali esistenti e la sostituzione di quelli pericolanti,  il rifacimento dei quadri elettrici che saranno telecontrollati e telegestiti, semplificando così le 222222attività di manutenzione e di controllo che avverranno in tempi reali, la costruzione di nuovi pali nelle zone non dotate di illuminazione e la realizzazione di nuovi impianti nelle aree meno illuminate. Dunque una messa in sicurezza di tutti gli impianti i quali saranno programmati tutti con tempi di accensione e spegnimento permettendo così un forte risparmio economico.

E’ bene sottolineare, in termini di sostenibilità, l’importante traguardo che si può raggiungere attraverso tale scelta “eco-friendly”. Infatti con l’installazione di tale sistema d’illuminazione alternativo si potrà ottenere: una riduzione del 50% del risparmio energetico, un risparmio di emissioni di Co2, zero emissioni di raggi UV, una riduzione di costi di smaltimento e di manutenzione e una maggiore qualità di luminanza stradale che consentirà minori rischi sulle strade.

Inoltre sarà attivato un numero verde gratuito per segnalare problemi e un’apper per segnalare pericoli o lampade spente.

 

Federica Pia Mendicino

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.