Home Cultura Futuro Remoto: scienza nel cuore di Napoli

Futuro Remoto: scienza nel cuore di Napoli

412

Dal 7 al 10 ottobre torna a Napoli, per la sua trentesima edizione, Futuro Remoto.

Futuro Remoto” è la prima manifestazione di diffusione della cultura scientifica e tecnologica in Italia ed ogni anno gli organizzatori scelgono un tema attorno al quale far ruotare l’intero evento: quest’anno la parola chiave è “Costruire”.

L’evento avrà luogo in Piazza del Plebiscito, piazza simbolo di Napoli, dove sarà allestito il Villaggio della Scienza che quest’anno sarà grande oltre 6.000 mq e si estenderà anche fino al Palazzo Reale, al Circolo Ufficiali dell’Esercito, al Circolo Ufficiali della Marina Militare, al Circolo artistico Politecnico e al Caffè Gambrinus.

Il Villaggio della Scienza di Futuro Remoto 2016 avrà 9 isole tematiche in cui si potranno osservare fenomeni scientifici, fare esperimenti e parlare direttamente con scienziati ed esperti che saranno presenti. Vi sarà l’isola Terra madre, in cui verranno approfonditi i temi di energia, clima e ambiente; l’isola Odissea nello spazio, dove gli appassionati potranno scoprire i progressi della ricerca aerospaziale, dall’infinitamente piccolo all’infinitamente grande dell’Universo; l’isola Smart cities che tratterà di ricerca, sviluppo sostenibile, diffusione di beni e servizi etici; l’isola Mare nostrum per la storia, la ricerca, l’innovazione e la blue economy; l’isola Comunico ergo sum (istruzione, comunicazione, new community e digital divide), l’isola IV rivoluzione industriale, l’isola Corpo e mente, l’isola Orizzonti mediterranei ed infine l’isola Il futuro del cibo.

futuro remoto

A Futuro Remoto 2016 nei quattro giorni della manifestazione ci saranno laboratori scientifici, lezioni in piazza, spettacoli dal vivo, performance, letture e rappresentazioni ma anche gli ospiti d’eccellenza non mancheranno: quest’anno Piero Angela, il 6 ottobre 2016 alle 19, terrà la conferenza di apertura della manifestazione, e poi negli altri giorni ci saranno anche l’astronauta italiana Samantha Cristoforetti,  il Presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) Roberto Battiston e tanti altri.

Città della Scienza, evento dopo evento, continua a sorprendere e a meravigliare tutto il pubblico che la segue, ma anche chi si approccia per la prima volta alla scienza e a campi dello scibile spesso difficili da comprendere. Grazie alle iniziative, ai modi trovati per spiegare cose complesse in maniera così semplice, chiunque abbia voglia di conoscere può farlo divertendosi e senza compiere faticosi sforzi. È questo l’intento di Futuro Remoto, trovare un approccio diverso e più stimolante nei confronti della scienza in maniera costruttiva, ma allo stesso tempo accattivante.

Daniela Diodato

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui