Home Attualità Centro Italia: nuova scossa di terremoto di magnitudo 6.5

Centro Italia: nuova scossa di terremoto di magnitudo 6.5

Una nuova scossa di terremoto è stata registrata questa mattina, domenica 30 ottobre, alle ore 7:40 e ha interessato soprattutto il Centro Italia.

Secondo le prime rilevazioni dell’INGV si tratterebbe di un terremoto di magnitudo 6.5, di 10 km di profondità, localizzato nella zona tra Marche e Umbria, con epicentro tra le province di Macerata, Perugia e Ascoli Piceno, a 7 km da Castelsantangelo Sul Nera, 5 km da Norcia e 17 km da Arquata del Tronto.

Al primo e più forte sisma sono seguite sei scosse: quattro di magnitudo superiore a 4 – 4.6 alle 7:44, 4.1 alle 8:00 –, 3.9 e 3.5 per le restanti due.

Le informazioni, informa l’Istituto, sono ancora suscettibili di modifiche.

Gli aggiornamenti informano che il sisma di questa mattina è stato avvertito, oltre che nelle regioni del Centro, in varie zone dal Trentino sino alla Puglia.

La scossa delle 7:30, secondo le testimonianze dei cittadini, è stata caratterizzata dalla durata: le persone sono uscite in strada e si registrano i primi danni alle costruzioni – crollate la basilica di San Benedetto e la cattedrale di Santa Maria argentea, a Norcia. In tutte le “zone rosse”, sino ad ora, sono presenti crolli e danni alle strutture.

Notizie dal profilo Twitter ufficiale dei Vigili del Fuoco.

Attualmente sono in corso le verifiche per sincerarsi delle condizioni di salute di tutti i cittadini delle zone più colpite. Le informazioni disponibili riportano casi di persone ferite.

Nicola Zingaretti, sulla pagina Facebook, informa che ci sono stati crolli anche ad Amatrice e ad Accumoli. Ad Amatrice, in particolare, sono crollate la Torre civica e la chiesa di Sant’Agostino.

A Roma sono state momentaneamente sospese le linee A, B e B1 della metropolitana per “verifiche tecniche“, al fine di garantire la sicurezza dei viaggiatori. La metro C, per motivi analoghi, registrerà dei ritardi.

Il sismologo dell’INGV Alberto Michelini ha affermato:

«Il terremoto di oggi è avvenuto sullo stesso sistema di faglie e fa parte della sequenza cominciata in agosto e che adesso sta procedendo».
Paolo Messina dell’IGAG, istituto del Consiglio Nazionale della Ricerche, spiega in una nota gli accadimenti sismici di questo periodo, parlando di «contagio sismico»:
«Il terremoto si è spostato da Amatrice verso nord, nell’area di Visso e Ussita, e da questi luoghi oggi nuovamente verso sud nell’area di Norcia, dove il terremoto di Amatrice di agosto si era arrestato. […] Purtroppo non siamo in grado di prevedere quando e come tale sequenza sismica andrà a scemare, né possiamo in linea teorica escludere altri terremoti forti come e più di quelli avvenuti fino ad oggi in aree adiacenti a quelle colpite in questi mesi».
Alle ore 9:30 (ora italiana) del 30 ottobre, a detta del capo della Protezione Civile Fabrizio Curcio, non si registrano decessi causati dal sisma. Tuttavia, continuano a pervenire aggiornamenti circa crolli e danni ad edifici.
Notizie dal profilo Twitter ufficiale dei Vigili del Fuoco.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Exit mobile version