Gab è il "Twitter razzista" dell'estrema destra mondiale

Gab, il “Twitter razzista” dell’estrema destra mondiale

Il social media Gab si propone come un social alternativo che garantisce libertà di parola. Questo ha attirato l' estrema destra mondiale ad iscriversi e frequentarlo.
Parler torna online, ma non allontana le critiche sulla propria reputazione

Parler torna online, ma non allontana le critiche sulla propria reputazione

Il social media Parler amato dalle frange di estrema destra è dinuovo attivo. Tuttavia le polemiche sul suo conto non sembrano placarsi.
Penso, parlo, posto: festeggiare il manifesto della comunicazione non ostile

Penso, parlo, posto: festeggiare il manifesto della comunicazione non ostile

Oggi 17 febbraio 2021 si festeggia il manifesto della comunicazione non ostile, un progetto nato nel 2016 dall’iniziativa dell’associazione no-profit torinese Parole...
Clubhouse parola

Parola scritta e parlata: Clubhouse, il social che rivaluta l’oralità

Facebook nacque nell’ormai lontano 2004, da un’idea di Mark Zuckerberg. Twitter, invece, venne lanciato nel 2006 da Jack Dorsey e, come Facebook,...
politica-meme-shock

La politica italiana è diventata un meme? First reaction: shock

A chiunque sarà capitato di imbattersi in un meme per poi condividerlo sui social o in privato con i propri amici. La...
Social di estrema destra, Parler, Gab, 4chan

Parler, Gab, 4chan e i social di estrema destra in una società alla deriva

I social network "politicamente scorretti" di estrema destra, come Parler, Gab e 4chan, possono essere considerati una manifestazione della libera espressione?
Deplatforming sugli account social di Donald Trump.

Deplatforming e social media: quale compromesso?

La recente decisione di vari social network di bloccare o sospendere i profili legati a Trump e al mondo dell’estrema destra sta...
Abbiamo così a cuore la libertà di espressione? Allora tuteliamo Assange

Abbiamo così a cuore la libertà di espressione? Allora tuteliamo Assange

Nei tribunali britannici si sta decidendo sulla sorte di Julian Assange, fondatore di WikiLeaks, e del giornalismo. Lo scorso 4 gennaio infatti...
social

“Blackout challenge”, la peste dei social

Nella società contemporanea cresce il numero di decessi in età infantile causati dalle nuove tecnologie, in particolare dai social network. L’aspetto macabro...