Il brainch della domenica

Il “brainch” della domenica: Se vuoi la pace, prepara la pace

- DI EMANUELE TANZILLI emanuele.tanzilli@liberopensiero.eu Le scene a cui abbiamo assistito di recente ci consegnano, forse, l’ultima immagine dell’inesorabile tramonto delle istituzioni. Un parlamento costellato di...
Il brainch della domenica

Il “brainch” della domenica: C’è Poste per te

- DI EMANUELE TANZILLI emanuele.tanzilli@liberopensiero.eu No Maria, io la lettera non la apro, anzi me ne torno a casa. Cari amici, nella classifica mondiale delle attività più...
Il brainch della domenica

Il “brainch” della domenica: La sinistra che verrà

- DI EMANUELE TANZILLI emanuele.tanzilli@liberopensiero.eu Amici cari, avete smaltito i bagordi del Capodanno o avete ancora il capitone che balla il trenino nel colon? No, perché...

Il “brainch” della domenica: Ostriche e champagne

- DI EMANUELE TANZILLI emanuele.tanzilli@liberopensiero.eu “Il futuro non è più quello di una volta”, scriveva Mark Strand. Quanta cristallina spietatezza in questa frase, quanta verità pura...

Il “brainch” della domenica: Spes Ultima Dea

- DI EMANUELE TANZILLI emanuele.tanzilli@liberopensiero.eu È con la tristezza nel cuore che arrivo a preparare il mio pezzo di questa settimana. Avrei voluto proporre una considerazione...

Il “brainch” della domenica: Viva la coeRENZIa

- DI EMANUELE TANZILLI emanuele.tanzilli@liberopensiero.eu Cari amici, è ufficiale: domenica prossima si svolgeranno le primarie per il nuovo segretario del Partito Democratico. Vi ho già intossicato...

Il “brainch” della domenica: Un futuro al verde

- DI EMANUELE TANZILLI emanuele.tanzilli@liberopensiero.eu “Non sono pigro: sono solo a basso consumo energetico”. La battuta è riciclata, lo ammetto; ma del resto, cerco d’essere coerente. E...

Il “brainch” della domenica: Il servizietto civile

- DI EMANUELE TANZILLI emanuele.tanzilli@liberopensiero.eu In pochi sanno che il Servizio Civile Nazionale fu introdotto nel 1972, previsto nella sua formulazione originaria per gli obiettori di...
Terra dei fuochi

Lettera di un condannato a morte

Queste sono le mie ultime parole, e sono quelle che ho lasciato da parte perché qualcuno le conservasse e se ne prendesse cura. Non...

Continuando la navigazione sul sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi