occupy l'ereditàdi un fallimento

Occupy: l’eredità di un fallimento

Che cosa hanno lasciato in eredità al mondo le esperienze degli Occupy e delle acampadas spagnole? Quattro anni dopo, la risposta non è incoraggiante: Occupy è stato un fallimento
siria

Siria: i negoziati di Vienna

Continua a evolversi la situazione in Siria. Dopo i negoziati di Vienna del 30 Ottobre si ipotizza la futura instaurazione di un governo senza Assad.
erdoğan

La Turchia si arrende, vince Erdoğan

Il clima di tensione in Turchia ha fruttato a Erdoğan la riconquista della maggioranza assoluta, i curdi temono ora scenari drammatici
moschee

Spianata delle moschee, l’Unesco bacchetta Israele

L'Unesco ha emesso una risoluzione che condanna Israele per la gestione della Spianata delle moschee di Gerusalemme. Forti le proteste degli israeliani.
portogallo

Il Portogallo come la Grecia di Tsipras?

In Portogallo, dopo le elezioni, sembra possibile la nascita di un Governo alleato della Grecia di Tsipras, nonostante le "minacce" dell'Eurogruppo.
russia siria putin assad

La strategia di Putin in Siria e le potenziali ripercussioni sul panorama internazionale

L'operato della Russia a Damasco è destinato a ripercuotersi sugli equilibri geopolitici globali, e non soltanto sulla Siria e lo Stato Islamico.
intolleranza

Intolleranza ai profughi: si aggiunge la Repubblica Ceca

L'ONU accusa la Repubblica Ceca di violare i diritti umani nella detenzione dei profughi: a dilagare è l’intolleranza o è la strumentalizzazione della sofferenza da parte delle forze politiche?
incontro putin assad cremlino

Dalla Russia: Assad apre a emendamenti ed elezioni libere

Per il Partito Comunista Russo Bashar al Assad sarebbe pronto a discutere di emendamenti della Costituzione e a ricandidarsi in caso di elezioni anticipate
polonia

Polonia: l’ultra-destra trionfa, Putin ringrazia

La netta vittoria dell'ultra-destra conservatrice e xenofoba in Polonia apre le porte a scenari geo-politici non del tutto inediti. Democrazia a rischio?
compromesso

Compromesso o accordo? Merkel chiede, Erdoğan decide

Manca un piano d’azione che possa “arginare” il problema, ed ecco subentrare il compromesso: sì alla Turchia, purché li tenga in casa sua, i migranti.