cameron

Cameron dà carta bianca ai ministri per il Brexit?

Cameron concede ai ministri euroscettici di fare campagna elettorale a favore della Brexit, ma il governo britannico prenderà una posizione ufficiale solo dopo la fine dei negoziati con Bruxelles.
acqua

Acqua, arma di guerra dell’ISIS

L'uso dell'acqua da parte dell'ISIS come arma di guerra in Siria e Iraq tiene in pugno la vita di milioni di persone.
Argentina

Argentina-Brasile: un accordo bilaterale per il futuro dell’America Latina

I ministri degli Esteri di Argentina e Brasile hanno firmato un accordo bilaterale per rilanciare le relazioni dei due paesi e l'economia latino-americana.
chapo

El Chapo, l’estradizione negli USA e il fallimento del Messico

Un approfondimento sulla crisi istituzionale, sociale e culturale che vive oggi il Messico, rivelata, una volta di più, dall'assenso recentemente prestato dalle autorità all'estradizione dell'ormai celebre boss del narcotraffico negli USA
rapefugees not welcome colonia koln pegida

Colonia fa riemergere l’odio in Germania

I fatti di Colonia nella notte di San Silvestro fanno riemergere in Germania tutto l'odio contro l'Islam, e la politica ne approfitta
sinistra

Da Syriza a Podemos: la nuova Sinistra Europea

Il bilancio di un anno difficile per Tsipras, nel quale trionfa il "modello greco" in impensabili governi di sinistra in Portogallo e in Spagna. E in Italia?
Mas Puigdemont

Catalogna, il passo indietro di Mas. Puigdemont presidente

A sorpresa il presidente uscente Artur Mas, fa un passo indietro per rendere possibile un governo indipendentista in Catalogna con l'appoggio della CUP.
mappa sunniti sciiti

Perché i Sunniti odiano gli Sciiti

La spaccatura tra Sunniti e Sciiti risale al 632 dC, l'anno della morte di Maometto e attiene alla diatriba sorta per la successione alla guida dell'Islam.
il mondo in questione

Il Mondo in Questione

Cari lettori, benvenuti al primo appuntamento della nuova rubrica geopolitica "Il Mondo in Questione"
polonia

Polonia, svolta autoritaria sui media pubblici

La nuova legge sui media segna la nuova svolta autoritaria del governo polacco, che inquieta l'Unione Europea e agita lo spauracchio di un nuovo "caso Ungheria"