Ad influire sul prezzo di una casa in affitto,
Fonte immagine: pexels.com

Quando si tratta di prendere in affitto una casa, sono molti i fattori che possono determinare il prezzo dell’operazione. Si parla di elementi molto importanti, che richiedono dunque un’analisi piuttosto approfondita.

Posizione 

La posizione è un fattore fondamentale quando si parla dei prezzi di un affitto. L’area circostante e il quartiere fanno tutta la differenza del mondo, chiamando in causa aspetti come la vivibilità e il comfort. La casa si trova vicino ai trasporti pubblici, ai negozi, ai ristoranti e ad altri servizi? Allora il costo dell’affitto è destinato a salire. Lo si può vedere chiaramente usando alcuni portali come Tecnocasa, che consentono di fare un confronto dei prezzi delle case in affitto studiando le differenze tra le varie ubicazioni. Inoltre, se si cerca un quartiere tranquillo con un basso tasso di criminalità, anche questo elemento inevitabilmente farà aumentare il costo della locazione. 

Metratura e servizi 

La metratura di un immobile e i servizi che include possono giocare un ruolo importante nel determinare l’importo dell’affitto mensile. Se desiderate più spazio o servizi aggiuntivi come balconi o giardini, dovrete aspettarvi un canone più alto, rispetto alle case prive di tali caratteristiche. Considerate anche se le utenze, come l’acqua e l’elettricità, sono incluse nell’affitto: in caso contrario, potreste dover pagare un extra anche per questi “bonus”, e lo stesso discorso vale per la connessione Internet.  

Domanda e offerta 

In alcuni casi, anche la domanda può influenzare la richiesta del proprietario. Un caso esemplare? Gli immobili e le stanze in affitto nei quartieri universitari, oppure nelle zone del centro città. Si parla di aree generalmente molto gettonate, con tantissimi studenti e lavoratori a caccia di un affitto, e questo ovviamente consentirà al proprietario di alzare i prezzi. Il discorso relativo alla domanda e all’offerta vale anche per la tipologia di immobile. Ad esempio, oggi i monolocali sono calati come richieste, mentre sono saliti i bilocali e i trilocali, che costano dunque di più rispetto ad un paio di anni fa.

Stagionalità e prospettive

Anche la stagionalità può influire sui prezzi degli affitti, ed è abbastanza ovvio. In alcuni casi i proprietari possono applicare tariffe più elevate durante i mesi in alta stagione, come l’estate, specialmente se si parla di case in località balneari o comunque turistiche. Inoltre, certe aree potrebbero andare incontro ad un boom improvviso, come nel caso della riqualificazione urbana: capire questi cambiamenti in anticipo può aiutare i potenziali inquilini a trovare delle autentiche perle a prezzi bassi, in quartieri o zone destinati a raddoppiarli nel breve periodo.

Condizioni dell’immobile

Infine, anche le condizioni dell’immobile possono avere un impatto diretto sui prezzi di affitto. Le case in condizioni mediocri o addirittura pessime avranno un canone mensile molto più basso, rispetto alle abitazioni appena ristrutturate. Conta molto anche il piano, se si parla ad esempio di un condominio. Un piano alto, senza l’ascensore, costringerà il locatore ad abbassare i prezzi. Lo stesso discorso vale per un appartamento nel seminterrato, per via della scarsa illuminazione naturale dovuta alle dimensioni esigue delle finestre.

Quotidiano indipendente online di ispirazione ambientalista, femminista, non-violenta, antirazzista e antifascista.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui