Rischiatutto: il 27 ottobre si torna in cabina

0
207
Rischiatutto

Si respira un’aria di festa nello studio di Rischiatutto che lunedì 24 ha ospitato la conferenza stampa di presentazione del programma.

Giovedì 27 ottobre alle 21.15 andrà in onda la prima puntata, su Rai Tre, dello storico quiz di Mike Bongiorno. Dopo lo straordinario successo dei due speciali di aprile su Rai Uno, Rischiatutto trasloca sulla terza rete, dove ad accoglierlo c’è un’entusiasta Daria Bignardi che durante l’incontro con i giornalisti ha dichiarato:

“Lo studio è ancora più bello rispetto al test della scorsa volta. Sono contentissima per mille motivi, uno anche personale, quando ero piccola il giovedì sera era una festa perché il babbo veniva in soggiorno e guardava la televisione con noi della famiglia. Rischiatutto è un simbolo dei bei programmi della Rai. L’intuizione di Fabio è stata semplice ed eccezionale. La sua meticolosità ed il suo coraggio nell’interpretare con uno spirito totalmente contemporaneo Rischiatutto l’ho trovato straordinario. Fabio è uno di quei conduttori che si mettono in discussione ogni minuto, è il suo segreto per essere sempre meglio. È quasi una sua ossessione, ossessione per noi meravigliosa perché ci spinge a fare sempre meglio per essere all’altezza delle sue aspettative”.

Insomma grazie “all’ossessione” di Fazio, sperimentatore per eccellenza, da giovedì assisteremo a questo Rischiatutto 2.0 che però non vuole discostarsi troppo dall’originale, per quanto il concetto di contemporaneità farà parte inevitabilmente del programma.

Le domande preliminari, il tabellone, la cabina sono stati e restano il suo punto di forza, ma le novità saranno molte.

La materia vivente: un personaggio del mondo dello spettacolo o dello sport che si divertirà ad essere l’oggetto di domande su tutta la sua vita. Nella prima puntata sarà Carlo Verdone, mentre nella seconda Ornella Muti e poi ancora Aldo Giovanni e Giacomo, Terence Hill, Cochi e Renato, e tanti altri.

La domanda di Mike: attraverso le teche rai sarà infatti possibile porre un quesito ai concorrenti direttamente dalla voce di Bongiorno.

Ed infine una figura femminile diversa per ciascuna delle nove puntate, proveniente dal mondo del cinema, avrà il compito di impersonare il ruolo di “valletta parlante” che fu di Sabina Ciuffini. Per ora conosciamo i nomi di Matilde Gioli, Cristiana Capotondi, Margareth Madè, Greta Scarano, Matilde De Angelis e Alessandra Mastronardi.

Sarà un programma popolare e complesso, perché a Rischiatutto scende in campo la cultura, il sapere di noi italiani, che ormai siamo troppo spesso abituati a trovare le risposte che cerchiamo facendo affidamento non più sulla nostra memoria, ma su internet. Rischiatutto sarà però anche un momento di forte emozione, non solo per Fazio, da sempre grande amico e per certi versi alunno di Mike, ma anche per tutti coloro che questo quiz l’hanno vissuto nei suoi anni di maggior splendore.

Importante ricordare, soprattutto a chi è pronto con il fucile puntato ad aspettare un errore, una stonatura o qualsiasi altra cosa, che sarebbe opportuno non focalizzarsi solo ed esclusivamente sugli ascolti, che per altro ci sono stati nella striscia quotidiana di Quasi, quasi rischiatutto-prova pulsante, ottimo modo per scaldare i motori di una macchina che scalpita per partire. Sperimentare vuol dire di fatto rischiare, provare e se è possibile riuscire. Per questo Fazio si metterà in gioco, perché solo così, reinventandosi, si può tentare di dare un’impronta nuova alla Tv, anche se per fare ciò si attinge dal passato.

È giusto dire che, anche per questioni oggettive, i numeri registrati su Rai Uno sono pressoché impossibili, ma le premesse per rimanere in linea con gli ascolti di Rai Tre e addirittura aggiungerci qualcosa in più ci sono.

E allora citando quella che sarà la sigla di coda del quiz, che sarà cantata da Raphael Gualazzi…Buena Fortuna a Rischiatutto.

A questo link troverete il portale del quiz, con le puntate, i provini, il regolamento e tanto altro.

Enrica Leone

CONDIVIDI
Articolo precedenteVan Gogh Alive: a Roma la mostra multimediale
Articolo successivo#maqualegender, la campagna lanciata da Carmen
Mi chiamo Enrica Leone, sono nata a Lecco. Diplomata con maturità scientifica, ho intrapreso la carriera universitaria presso la facoltà di Giurisprudenza. Entusiasmo, iniziativa e dinamismo mi hanno da sempre spinto ad andare avanti nel lavoro così come nello studio. Adoro scrivere e questa passione mi ha portata ad intraprendere avventure di ogni genere per poter portare a casa interviste ed acquisire il giusto grado di esperienza, per rendere i miei articoli ancora più miei. Una passione che mi ha portata a pubblicare pochi mesi fa il mio primo romanzo: Basta avere coraggio, presso la casa editrice Arduino Sacco Editore. Non smetto mai di rincorrere i miei sogni ed il più delle volte questi diventano i miei obiettivi che cerco in tutti i modo di raggiungere. Alla scrittura, da poco tempo ho affiancato il lavoro di organizzatrice di eventi di beneficenza ed assistenza alla comunicazione. Mi piace il contatto con il pubblico. A detta di chi collabora con me, sono una persona estremamente precisa, metodica e puntuale. Attenta affinchè il compito affidatomi possa venir portato a termine nel miglior modo possibile e nel tempo necessario. Amo il cinema, la televisione (quella di qualità) e tutto ciò che ha a che fare con lo spettacolo ed è questo ciò di cui mi occupo.

NESSUN COMMENTO