È stata una delle partite più attese nella storia del calcio Napoli, quella contro il Real Madrid nel maestoso stadio Santiago Bernabeu. Un lampo di Insigne fa sognare gli azzurri che però soccombono per 3-1.

Tutto esaurito al Santiago Bernabeu. Le due squadre schierano le migliori formazioni. Fino a pochi minuti prima della partita vi era il dubbio in casa Napoli sulla coppia di centrocampo che avrebbe affiancato Hamsik; Zielinski Diawara la scelta finale di Sarri.

Dopo il primo assalto del Real Madrid è il Napoli a trovare un goal fantastico con Insigne che, imbeccato alla perfezione da Hamsik, trafigge l’estremo difensore madridista, il quale era leggermente fuori dai pali, con un gran tiro ad effetto dalla lunga distanza.

Il vantaggio del Napoli è clamoroso e i numerosissimi tifosi del Napoli (forse più di quindicimila) continuano a sognare.

Insigne dopo il goal del vantaggio del Napoli

Dal momento del goal però saltano fuori tutti i limiti della squadra partenopea, troppo inesperta, troppo imprecisa. È proprio la continua imprecisione nei passaggi che condanna gli azzurri che aprono gli spazi per il goal di Benzema che segna di testa.

La prima frazione si chiude sul risultato di 1-1. La ripresa parte male. Al 49′ infatti è Kroos che, servito da Cristiano Ronaldo (ma Koulibaly la combina grossa), trafigge Reina con un tiro preciso di destro. Sale in cattedra il Real Madrid che trova il terzo goal con un gran tiro al volo da fuori area di Casemiro.

Il Napoli fatica a reagire ma sciupa due grandissime occasioni per accorciare lo svantaggio. La più clamorosa è sciupata da Mertens che da pochissimi metri spara alto sopra la traversa. Nel finale Sarri tenta la mossa Milik al posto di Hamsik, dopo aver sostituito – forse tardivamente – uno stanchissimo Zielinski con Allan. 3-1 il risultato finale: non tutto è perduto per gli azzurri che al San Paolo dovranno comunque fare una impresa storica per ottenere una qualificazione ai danni dei campioni del mondo.

Le pagelle

Reina 5,5. Poteva essere sufficiente ma dal suo solito errore di inopportuno passaggio in difesa parte l’azione di uno dei goal del Real Madrid.

Hysaj 5,5. Troppo poco su quella fascia. Costringe Sarri a far raddoppiare Albiol in più di un’occasione.

Koulibaly 4,5. Un vero disastro questa sera. Sente tutti il peso delle pressioni di questa partita con i Galacticos.

Albiol 5. Si lascia scappare Benzema sul goa del pareggio, poi gioca benino ma siamo lontani dalle solite prestazioni.

Zielinski 5,5. Nei primi minuti gioca bene, poi sparisce completamente, sostituito da Allan (NG)

Hamsik 5,5. Anche lui ottimo quarto d’ora con assist per Insigne, poi quasi più nulla.

Diawara 5. Di incoraggiamento per la sua giovanissima età. un numero impressionante di regali agli avversari.

Insigne 6. Segna un gran bel goal.

Mertens 4,5. Non pervenuto. Non salta mai l’uomo e fa poco movimento senza palla. Tutti si aspettavano molto di più da lui. Si divora anche un goal pesantissimo.

Callejon 5. Non brilla. Arrivano pochi passaggi dalle sue parti.

Salvatore Annona

 

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteLaboratorio politico Kamo, tra salute e prevenzione
Articolo successivoNapoli è le sue “periferie”: aiutiamole
Nato a Napoli nel 1975 vi ho vissuto fino ad oggi, senza mai emigrare. Dopo il diploma di geometra, ho conseguito la Laurea in Ingegneria Civile nel 2005 con tesi in Ingegneria Sismica. Ho una splendida famiglia con moglie e due splendidi figli. Attualmente esercito la libera professione e sono membro della Commissione Manutenzione e Recupero degli Edifici Industriali presso L’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli. Curioso sin dalla nascita, ho coltivato diverse passioni come la lettura e la grafica digitale. Amo immensamente la musica e lo sport (in particolare il calcio ed il tennis).

1 COMMENTO

Comments are closed.