Orbiting: che cos'è e le strategie per come affrontarlo

Nel vasto mondo delle relazioni interpersonali, esistono dinamiche complesse che spesso sfuggono al nostro controllo e alla nostra comprensione. Una di queste è l’orbiting, un fenomeno sempre più diffuso nelle moderne interazioni sociali. In questo articolo esploreremo insieme cosa significa fare orbiting, chi sono le persone coinvolte e quali strategie adottare per affrontare questa situazione con serenità e consapevolezza.

Cosa vuol dire fare orbiting?

Il termine orbiting deriva dall’inglese “to orbit”, che letteralmente significa “orbitare attorno a qualcosa”. Nell’ambito delle relazioni, rappresenta una tattica basata sull’ambiguità e sulla mancanza di chiarezza nella comunicazione tra le parti coinvolte. A differenza delle relazioni tradizionali basate sul contatto diretto, l’orbiting si sviluppa principalmente attraverso i social media e le piattaforme digitali.

Una delle caratteristiche distintive dell’orbiting è che la persona coinvolta ignora spesso i messaggi diretti o le interazioni offline, ma continua a mostrare interesse attraverso azioni online. Tuttavia, questa presenza virtuale non si traduce mai in una comunicazione chiara o in un impegno reale, lasciando l’altra parte confusa e incerta sulle prospettive della relazione.

Quali tipologie di persone fanno orbiting? E perché?

Le motivazioni che spingono le persone a praticare l’orbiting possono essere molteplici e complesse. Tra le tipologie di orbiter più comuni troviamo il narcisista patologico, l’inconsapevole, l’indeciso e l’entusiasta del momento. Ognuno di loro agisce in base alle proprie dinamiche personali e motivazioni interiori, che possono variare dall’impulso alla manipolazione, dalla paura dell’impegno alla semplice noia.

Perché il partner fa orbiting?

L’orbiting, comportamento ambiguo e frustrante, può essere determinato da diversi fattori, molti dei quali riflettono dinamiche personali e relazionali complesse. Esaminiamo alcune delle ragioni più comuni dietro questo atteggiamento.

Alcuni individui potrebbero praticare l’orbiting per motivi legati alla loro personalità narcisistica. Queste persone cercano di mantenere il controllo e alimentare il proprio ego mantenendo l’altro nell’incertezza e nell’ambiguità, senza impegnarsi realmente in una relazione significativa.

Tuttavia, non tutti gli orbiter sono manipolatori senza cuore. Molte volte, l’orbiting è il risultato diretto di una profonda indecisione. Chi fa orbiting potrebbe essere uscito da una relazione complicata o potrebbe essere semplicemente incapace di prendere una decisione definitiva. In questo modo, tiene l’altra persona in sospeso, sempre disponibile a ritornare senza impegni definitivi.

Nonostante le ragioni possano variare, è importante riconoscere che l’orbiting è un comportamento dannoso e destabilizzante. Nessuno dovrebbe essere trattenuto in uno stato di incertezza emotiva e ambiguità.

Infine, la noia può essere un altro fattore scatenante dell’orbiting. Talvolta, una persona potrebbe cercare distrazione e intrattenimento online senza considerare appieno l’impatto delle proprie azioni sugli altri. Anche se può sembrare frustrante, è importante affrontare la situazione con fermezza e rispetto per il proprio benessere emotivo.

Come capire se si è vittime di orbiting?

Riconoscere di essere vittime di orbiting non è sempre facile, ma esistono alcuni segnali da tenere in considerazione. Se si nota che una persona mostra interesse solo attraverso le interazioni online e evita il contatto diretto o le comunicazioni offline, ci si potrebbe trovare in una situazione di orbiting. Altri segnali includono la mancanza di chiarezza nelle intenzioni della persona coinvolta e la persistenza della presenza online senza un coinvolgimento reale nella relazione.

Quali possono essere le conseguenze?

L’orbiting può avere un impatto significativo sulla salute emotiva e psicologica di chi ne è vittima. Le conseguenze possono variare da frustrazione e confusione a bassa autostima, ansia, isolamento sociale, difficoltà a fidarsi e persino depressione. Inoltre, l’orbiting può comportare una perdita di tempo ed energia, impedendo alle persone coinvolte di concentrarsi su altre relazioni e attività più soddisfacenti.

Come reagire all’orbiting: due strategie molto efficaci

Se ti trovi vittima di orbiting, esistono alcune strategie che puoi adottare per affrontare la situazione con determinazione e consapevolezza. Innanzitutto, è importante cercare di capire se si tratta effettivamente di orbiting, osservando attentamente il comportamento della persona coinvolta e analizzando le interazioni online. Successivamente, puoi considerare l’opzione di inserire la persona nella lista “Restrizioni” dei social media, limitando così la sua accessibilità ai tuoi contenuti senza bloccarla definitivamente.

L’orbiting è come fare ghosting?

L’orbiting e il ghosting sono fenomeni distinti nelle dinamiche relazionali.

Il ghosting comporta la scomparsa improvvisa dalla vita di qualcuno, spesso senza spiegazioni, dopo un breve incontro o anche dopo un periodo di frequentazione più lungo. Chi pratica il ghosting tende a bloccare la persona coinvolta, evitando così di dover affrontare una conversazione diretta.

L’orbiting, invece, è un comportamento più subdolo. L’orbiter continua a interagire virtualmente attraverso i social media, mantenendo la persona coinvolta in uno stato di incertezza e ambiguità senza mai chiarire definitivamente la situazione.

Quando ci si trova di fronte a una situazione in cui non si riceve la chiarezza e la sincerità che si merita, è importante mettere se stessi al primo posto. Chi pratica l’orbiting probabilmente non desidera realmente la nostra compagnia, quindi è fondamentale avere fiducia in sé stessi e prendere le proprie decisioni con rispetto verso il proprio benessere emotivo.

L’orbiting è un fenomeno complesso che richiede pazienza, comprensione e consapevolezza per essere affrontato con successo. Se ti trovi in questa situazione, ricorda che non sei solo e che esistono strategie efficaci per gestire questa dinamica in modo sano e costruttivo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.