facebook
Credit: Pexels

Ormai quasi tutti i possessori di smartphone possono riconoscere facilmente il logo Facebook, ma pochissime persone conoscono la vera storia del social network, che iniziata 13 anni fa in una stanza del dormitorio di Harvard. Non identificato, Mark Zuckerberg è entrato nella rete di computer dell’università e ha copiato le foto da tutti i file degli studenti.

In pochi giorni, quasi tutti gli studenti hanno visitato i siti di questi compagni di classe. Tuttavia, l’amministrazione ha reagito rapidamente: la pagina è stata chiusa, accusando Mark di violare la sicurezza e il diritto alle informazioni personali. Miracolosamente, l’atto sconsiderato del giovane fu perdonato.

Il successo inaspettato ha ispirato il ragazzo a un progetto più grande. Nell’inverno del 2004, il mondo ha visto il sito Thefacebook. All’inizio, solo gli studenti di Harvard potevano usarlo. Tuttavia, presto aprì le ammissioni ad altre università a Boston e successivamente in tutti gli Stati Uniti.

Nel 2006, il sito è diventato disponibile per tutti gli utenti di Internet e, a 23 anni, Mark Zuckerberg è diventato il miliardario più giovane del pianeta.

Da allora, l’aspetto di Facebook ha subito cambiamenti radicali, sebbene il principio di funzionamento sia rimasto invariato. Come prima, gli utenti dei social network hanno il diritto di creare i propri profili con foto, elenchi di interessi, dettagli di contatto e altre informazioni personali. Qui puoi chattare con gli amici e unirti a gruppi di interesse.

Allo stesso tempo, gli utenti hanno il diritto di controllare il livello di accesso alle loro pubblicazioni: chi può vedere determinate foto, leggere post selezionati separatamente. E gli utenti fastidiosi possono sempre essere bloccati o denunciati all’amministrazione.

Gli esperti di sicurezza consigliano di controllare le impostazioni almeno una volta al mese per assicurarsi che non siano andate male.

Un altro simbolo, senza il quale è impossibile immaginare Facebook, è il pulsante “Mi piace”. Quest’anno gli utenti hanno avuto l’opportunità non solo di votare, ma anche di esprimere tutta una serie di emozioni riguardo al contenuto. Infatti, oltre a quelli divertenti, ci sono anche messaggi tristi o che provocano rabbia o sorpresa.

Abbiamo raccolto per te alcuni altri segreti di Facebook che renderanno l’utilizzo dei social network interessante e utile.

Ad esempio, se condividi tre post su un argomento che ti interessa, nel tuo feed inizieranno a comparire più post con contenuti simili. Distribuisci pubblicazioni sullo spazio: ora ricevi già più notizie al riguardo. Interessato a crescere i bambini – articoli sulla pedagogia.

Non dimenticare di mettere mi piace e commentare: in questo modo istruisci anche Facebook e mostri ciò che ti interessa.

E se sei stanco dei meme, delle citazioni o dei selfie di altre persone, non essere pigro e contrassegnali con il tag “Nascondi messaggio”. Immediatamente ci saranno molte volte meno post di questo tipo nel tuo feed.

Un altro consiglio prezioso è quello di dividere i tuoi iscritti in due gruppi: “amici intimi” e “conoscenti”. Pertanto, vedrai i messaggi di coloro che ami e lo spam di estranei ti passerà accanto.

Senza Facebook, è difficile immaginare la comunicazione nel mondo moderno. Con esso, puoi trovare amici d’infanzia dimenticati da tempo, acquistare beni interessanti o persino trovare un lavoro. Pertanto, non negarti la gioia di comunicare con gli altri.

Quotidiano indipendente online di ispirazione ambientalista, femminista, non-violenta, antirazzista e antifascista.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui