sigaretta

La sigaretta elettronica viene utilizzata spesso da coloro che hanno il desiderio di smettere di fumare e in effetti lo svapo si è rivelato un metodo molto efficace per eliminare questa abitudine.

Lo svapatore tradizionale, quindi, si accontentava di scegliere tra i vari aromi presenti sul mercato e una base con una concentrazione delle due sostanze di cui è formato che preferiva. C’era poi la possibilità di aggiungere la nicotina nella sigaretta elettronica, in concentrazioni variabili, in modo tale che l’ex fumatore si sentisse comunque a suo agio in questo passaggio allo svapo.

Di recente si è capito che lo svapo, effettuato con la sigaretta elettronica, è anche un ottimo modo per consumare CBD, come dimostrato dalle numerose testimonianze che puoi leggere qui.

Che cos’è il CBD

Non tutti sanno che le infiorescenze di marijuana, e in particolare la resina, contiene non soltanto THC, ma anche CBD (il cui nome per esteso è cannabidiolo) e terpeni, responsabili dell’aroma e del sapore tipico di ogni varietà di cannabis. E non tutti sanno che esiste un collegamento tra CBD e sigaretta elettronica.

Il CBD ha invece una funzione bilanciatrice degli effetti del tetraidrocannabinolo, in quanto diminuisce gli effetti psicoattivi di quest’ultimo con le sue proprietà rilassanti e ansiolitiche.

Non solo, ma sembra anche che questa sostanza possa ridurre la sensazione di craving che si ha quando si cessa di assumere sostanze che danno assuefazione, come il THC, e quindi per combattere la tossicodipendenza. Quando è isolato dall’altro cannabinolo o quando è presente nella cannabis in proporzione molto maggiore, la sensazione di relax che questa sostanza regala a chi la consuma è eccezionale, allo stesso modo degli usi terapeutici che ne sono stati fatti nel tempo.

Se fin dall’antichità è stata evidenziata l’efficacia del cannabidiolo per la cura dell’ansia, per rilassare sia la mente che il corpo e come antinfiammatorio per la cura dei reumatismi, di recente a questi sono state aggiunti altri utilizzi in medicina, che sembrano sbalorditive perfino ai medici che stanno conducendo gli studi su questa sostanza.

La causa di maggiore stupore è la varietà degli effetti benefici del CBD, inalabile anche attraverso la sigaretta elettronica, per l’organismo umano, che riguardano molti dei nostri organi. Il più evidente è senza dubbio l’impatto benefico sulla mente e il sistema nervoso, partendo dalla cura dell’epilessia, per poi passare a quella della depressione e della schizofrenia.

In particolare, però, il rilassamento che questo composto chimico aiuta soprattutto per diminuire i sintomi dell’ansia e, per alcuni tipi di disturbi ansiosi, anche a prevenire gli attacchi. In quest’ambito sono stati effettuati e sono ancora in corso molti studi, perché se questi risultati positivi fossero confermati si avrebbero delle efficaci cure per gravi malattie psichiatriche, che non hanno la pecca di avere effetti collaterali molto fastidiosi come gli psicofarmaci.

Un altro aspetto curioso è che il CBD sembra fatto apposta per le donne, poiché è un valido aiuto per una molteplicità di fenomeni proprio del ciclo di vita delle persone di questo sesso. Ciò è dovuto in gran parte all’azione del cannabidiolo sulla funzionalità ormonale, per cui è stato registrato che esso contribuisce ad alleviare i dolori mestruali e gli sbalzi d’umore della sindrome premestruale. Inoltre, stempera le manifestazioni fastidiose o dolorose della menopausa. È praticamente un composto chimico in grado di accompagnare le donne in tutte le fasi della sua vita.

A proposito di dolori, è un ottimo antidolorifico, anche in questo caso privo di effetti collaterali, che può essere usato per gli spasmi che interessano qualunque parte del corpo.

Perché con la sigaretta elettronica

Il cannabidiolo può essere assunto in diversi modi, tutti acquistabili online e non, poiché in Italia questa sostanza è stata legalizzata. Si possono pertanto trovare in commercio infiorescenze di cannabis light ad alto contenuto di cannabidiolo, estratti oleosi, che costituiscono un concentrato della sostanza e infine semi di marijuana che naturalmente contengono esclusivamente CBD.

Quello che viene maggiormente scelto dai consumatori è l’olio ad alto contenuto di cannabidiolo, per la sua versatilità di utilizzo. Tra i vari usi che se ne possono fare, come l’aromaterapia o l’utilizzo come additivo nelle creme di bellezza per l’idratazione della pelle, quello più efficace di tutti è l’inalazione con la sigaretta elettronica, quando l’estratto oleoso viene aggiunto al liquido di base.

Alcune e-cig (sigarette elettroniche) sono infatti idonee alla vaporizzazione di liquidi che contengono al loro interno olio al CBD. In questi casi, l’olio al CBD è ricavato dalle infiorescenze della cannabis light oppure dalla spremitura a freddo dei semi di marijuana. In ogni caso, il sapore originario della cannabis light è un po’ temperato dall’aggiunta di olio extra vergine d’oliva o di olio di cocco.

Il risultato è un gusto molto piacevole, che rende ancora più amabile l’azione calmante e rilassante del CBD, aggiunto allo svapo,effetuato con la sigaretta elettronica. L’efficacia dell’assorbimento tramite l’inalazione del vapore dell’e-cig (sigaretta elettronica) fa è tale per cui, tra l’altro, quegli effetti di cui abbiamo parlato prima sono praticamente immediati, per cui lo svapo al CBD è perfetto per un momento di assoluto relax.

Questo prodotto si è imposto sul mercato per l’associazione di un gusto molto gradevole della cannabis light e degli effetti rilassanti, che ben si conciliano con il gesto della svapata, fatta con la sigaretta elettronica. Negli shop specializzati o nelle piattaforme di e-commerce come quella di Terpy.it, si possono trovare sia liquidi premiscelati che contengono CBD che flaconi che contengono un concentrato di questa sostanza diluito con gli oli, da aggiungere alla base neutra.

Fonte immagine di copertina: Blacknote

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui