Secondo il nuovo report dello Stockholm International Peace Research Insitute le spese militari sembrano diminuire, anche se di poco (0,4% rispetto al 2014). Il calo è dovuto per lo più alla crisi economica che ha costretto USA e Europa Occidentale alle riduzioni, mentre in Asia e Oceania, Medio Oriente, Europa orientale e Africa la corsa agli armamenti è in aumento.

La spesa militare degli Stati Uniti è scesa del 6,5% rispetto allo scorso anno e del 20% rispetto al 2014. Dati che sembrerebbero positivi, ma c’è da sottolineare che dal 2001, anno della caduta delle Torri Gemelle, ad oggi c’è stato un incremento del 45% delle spese militari.

Cina e Russia e Arabia Saudita, stando al report, avrebbero aumentato i loro acquisti d’ armamenti del 17%. Quest’ultima deve questo clamoroso aumento al suo recente intervento nello Yemen.

Anche il conflitto in Ucraina è stato causa di ingenti spese belliche. Alcuni paesi dell’Europa Centrale, baltici e nordici hanno aumentato la spesa di oltre il 20%. In Europa la proposta della NATO di destinare solo il 2% del PIL alle spese militari è stato accolto solo da alcuni paesi: Francia, Regno Unito, Italia e Spagna ridurranno le spese nel 2015, ma la Germania rimane in controtendenza.

In Asia e Oceania l’aumento è del 5% pari a quasi 439 miliardi di dollari, di cui 216 spesi dalla Cina. Australia, Corea del Nord e India hanno anch’essi aumentato le spese belliche, mentre il Giappone è in fase di stallo. Il Vietnam ha raggiunto il +9,6% grazie alle dispute territoriali con la Cina. L’Indonesia, per quanto riguarda quest’area, è l’unica nota positiva: -10%.

Nell’America Latina Brasile e Venezuela hanno diminuito i loro acquisti d’armi, mentre il Messico, coinvolto nella lotta al narcotraffico, le ha incrementate dell’11%.

Le spese militari in Africa sono aumentate del 5,9%, in particolare in Algeria e Angola, rispettivamente con 12% e 6,7%.

Un quadro inquietante soprattutto per quanto riguarda l’Oriente e il continente Africano. C’è chi vive con meno di un dollaro al giorno e chi chi ne spende 5 miliardi per le armi .Secondo le stime dell’ONU  basterebbe meno del 7% delle spese militari mondiali per far fronte alla povertà estrema, ma per qualcuno, paradossalmente, la difesa ha la priorità.

Vincenzo Nicoletti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui