Marco Sessi - Correggio, venti dal passato
fonte immagine: https://www.mirkocuneo.it/

“Ho sperato di avere trovato il mio passato, quando ero sicuro di averlo cancellato. Una serie infinita di coincidenze mi aveva fatto ripartire il cuore ed era nata in me la speranza di ricominciare. In tutti questi anni, solamente il lavoro mi ha tenuto a galla… e quando l’ho vista…”

“Continua a scorrere sangue su questa triste terra”.
Siamo a Correggio, cittadina in provincia di Reggio Emilia, dove il Maresciallo Marco Graziosi, tornato nella sua città dopo avere vissuto a Bologna, deve affrontare l’assassinio brutale di un ex partigiano (nome di battaglia Acquasanta), ucciso nel suo appartamento dove fanno bella mostra di sé tanti libri sulla Resistenza. “Non aveva nemici” assicurano i pochi partigiani rimasti, custodi di un passato che nessuno vuole dimenticare, che li ha visti protagonisti, da ragazzi, proprio in quelle stesse campagne. Una vendetta postuma? Le indagini conducono il vecchio maresciallo insieme al suo giovane ed entusiasta aiutante Renzi a scavare nel passato, seguendo una pista che si rivelerà sempre più complicata, mentre una giovane donna, incontrata per caso, metterà il maresciallo di fronte ai suoi personali ricordi, quelli che riguardano la donna amata, che per un tragico evento non ha potuto portare all’altare. E, come se non bastasse, a sparigliare le carte, ci si metterà anche un misterioso maniaco che si diverte a seminare il panico tra i cittadini, infilzando con una freccia i babbi natale esposti sui balconi in vista delle festività.

Correggio, venti dal passato Marco Sessi
La copertina del romanzo di Marco Sessi


Marco Sessi nel suo nuovo giallo Correggio, venti dal passato, edito da WritersEditor, racconta con abili pennellate la vita di provincia nella sua amata città (dove vive e nella quale ha ambientato anche altri suoi romanzi) e al contempo ci regala un giallo tradizionale, dove più che la violenza descritta morbosamente contano gli indizi disseminati qua e là e i rompicapi che mettono a dura prova sia il maresciallo che il lettore stesso, coinvolto fino alla fine nella corsa a trovare il colpevole – che nel frattempo si macchierà di un altro delitto. Il tutto condito dall’umanità di un investigatore che si presenta come uomo tutto d’un pezzo, inflessibile, ma che nasconde una grande fragilità. Un personaggio che già era stato protagonista di una precedente indagine nell’altro giallo di Marco Sessi, Buon natale, Correggio.

L’autore conduce il gioco abilmente, forte di una carriera letteraria che conta cinque romanzi e svariati premi conquistati sul campo e si permette anche una vanità alla Alfred Hitchcock, ovvero introduce nel racconto un misterioso personaggio che ha il suo stesso nome.

La vicenda, tra passato e presente, cattura il lettore in un’atmosfera, quella della provincia, abilmente riprodotta nelle scene di vita cittadina e delle campagne circostanti, dove la vita degli agricoltori è radicalmente cambiata. Con una trama credibile, uno svolgimento attento e uno stile asciutto ma coinvolgente, Marco Sessi, con questo romanzo nel quale perfeziona la figura del suo investigatore, sembra avere tutte le carte in regola per entrare nel novero dei giallisti italiani di successo.

Biografia dell’autore di Correggio, venti dal passato

Marco Sessi è nato a Correggio nel 1963. Tra le sue opere si ricordano: “Il rovescio dello sport” (Sovera, 2003), “Count Down” (AndreaOppure, 2008) – per il quale ha ricevuto lettera di congratulazione della moglie del Presidente della Repubblica Napolitano – “Accenti diversi, storie diverse” (Giulio Perrone, 2009), “Che bel Natale, papà” (Albatros, 2015) – Vincitore del 1° premio letterario Città di Fucecchio 2016 – “Buon Natale, Correggio” (AUGH!, 2017), “Correggio, venti dal passato” (WritersEditor, 2020) – 4° classificato al VIII premio internazionale di Poesia e Narrativa Città di Sarzana 2020. Ha inoltre collaborato per anni come redattore al mensile “Primo Piano”.

Recensione a cura dell’Ufficio stampa Il Taccuino

5 x mille Survival
Quotidiano indipendente online di ispirazione ambientalista, femminista, non-violenta, antirazzista e antifascista.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui