C’è stato un tempo in cui l’unica strada che era possibile percorrere per mettersi alla guida di una nuova automobile era provvedere al relativo acquisto e dunque movimentare un ingente capitale. Adesso c’è un’alternativa virtuosa, che consente non soltanto di scegliere e personalizzare il modello preferito, ma anche di ottenere importanti vantaggi sia sotto l’aspetto economico che finanziario. Stiamo parlando del noleggio auto a lungo termine, che prevede il pagamento di un canone mensile all’interno del quale rientrano tutta una serie di servizi. Diventa possibile dimenticare la burocrazia e le scartoffie amministrative che sempre caratterizzano la gestione e il mantenimento di un veicolo a quattro ruote. In che modo? Sarà la società di noleggio a occuparsi del pagamento di bollo auto e assicurazione, così come si occuperà di garantire una perfetta performance di guida provvedendo alla sostituzione del treno gomme in estate e inverno. Lo stesso vale anche per la manutenzione ordinaria e straordinaria, per l’assegnazione in caso di necessità di una vettura sostitutiva e per il soccorso stradale.

Noleggiare l’auto a lungo termine – ovviamente dopo aver valutato reale convenienza, pro e contro – consente di mettersi al riparo da spese extra o impreviste legate all’utilizzo e al possesso della vettura. Vediamo adesso come fare per scegliere l’auto da noleggiare a lungo termine, cercando di capire su quali tipologie di quattro ruote sia meglio puntare quando si decide di optare per tale formula del tutto alternativa all’acquisto così come anche al leasing. Ecco gli aspetti principali da tenere in considerazione per fare in modo di mettersi al volante della macchina più adatta a rispondere ai propri gusti e specifiche esigenze.

La scelta dell’auto perfetta naturalmente non è così semplice, né questa operazione deve essere presa troppo alla leggera. A meno che le idee in merito non siano già molto chiare oppure si desideri fortemente mettersi alla guida di una particolare tipologia di macchina. Non si è mai abbastanza pronti o esperti però, soprattutto quando si tratta di aspetti tecnici e conoscenze specifiche su modelli, motorizzazioni e allestimenti. La maggior parte delle persone si lascia insomma guidare da due elementi chiave, ovvero l’aspetto esteriore della macchina e il costo. Con essi sentiamo di avere una certa familiarità, perché sono di agevole comprensione, evidenti e intuitivi. È chiaro però che essi da soli non sono sufficienti a farci fare la scelta più oculata possibile.

Le abitudini di guida e il chilometraggio annuale

È importante mettere a fuoco quelle che sono le personali abitudini in fatto di percorrenze annuali e stile di guida. E questo al netto ovviamente delle questioni economiche e dei gusti personali, che comunque resta inteso come abbiano un loro peso specifico. Occorre sapere che utilizzo verrà fatto della macchina, indagando sul numero complessivo di chilometri che in media si percorrono nell’arco dei 365 giorni (l’ideale è raggiungere o superare almeno la soglia dei 15mila per essere certi di ammortizzare la scelta). Ricordando sempre come grazie alla formula del noleggio diventi possibile osare un po’ di più rispetto a quanto si fa nel momento in cui si compie un normale acquisto per aggiudicarsi un’auto che diventerà di proprietà. A fronte del pagamento di un canone mensile fisso, che viene concordato a monte e ben determinato, grazie al noleggio ci si mette alla guida di una vettura nuova senza doversi preoccupare di nient’altro che non siano il rifornimento di carburante, i pedaggi autostradali e la sosta negli stalli a pagamento o le spese per il ricovero del veicolo. Le restanti spese, ovvero quelle relative a bollo e assicurazione, cambio gomme e assistenza stradale o manutenzione ordinaria e straordinaria, rimangono a carico della società di noleggio.

I contratti, i quali rimangono in genere all’interno di un range temporale che va dai 24 ai 60 mesi, consentono di scegliere e guidare una macchina per un periodo sufficientemente lungo a farci accorgere se essa sia effettivamente o meno quella più adatta a noi. Per capire, nel caso in cui abbiate deciso di optare per un SUV lasciando da parte una più classica berlina, la formula del NLT (acronimo spesso utilizzato per indicare il noleggio a lungo termine) consentirà di prendere una lenta confidenza con tale vettura. Resterà comunque la possibilità di tornare sui propri passi una volta che il contratto sia concluso, prendendo una vettura di più ridotte dimensioni. La stessa valutazione è possibile farla per quanto riguarda la scelta del tipo di alimentazione della macchina. Da un lato la classica motorizzazione a benzina o diesel, dall’altro invece i modelli di stampo green, dunque elettrici oppure ibridi. Si può quindi, in poche parole, sperimentare, nell’arco di una finestra temporale ben precisa, se la macchina desiderata sia anche quella che effettivamente si sposa con le personali esigenze.

Il valore del mezzo e la prova di guida su strada

Quando si sceglie di noleggiare un’auto a lungo termine, optando per un modello rispetto a un altro, non si hanno preoccupazioni in merito a svalutazione, deprezzamento e usura del mezzo nel corso del tempo. Nessun pensiero in merito al valore futuro della macchina, che invece è importante nel caso di un acquisto. Rendersi conto che la scelta fatta è stata errata potrebbe indurre il proprietario a rivendere la macchina trascorsi pochi mesi dall’acquisto. Il che esporrebbe a perdite di valore molto ingenti, se messe a confronto con il prezzo pagato per il nuovo. L’automobilista, semplicemente, alla fine del contratto di noleggio può scegliere una macchina diversa o magari decidere di comprare quel tipo di macchina dopo averne testato a dovere caratteristiche e livelli di performance. Tra le opzioni che è possibile valutare c’è quella del noleggio a lungo termine Telepass, servizio disponibile sull’App Telepass Pay. Bastano pochi clic per scegliere la macchina, seguendo una procedura guidata necessaria a trasmettere documenti e richiesta per lo studio di fattibilità. Si può scegliere l’auto che più aggrada, decidendo di abbattere il canone versando un anticipo oppure dando in permuta un’auto usata. In alternativa, si potrà anche scegliere l’opzione con anticipo zero.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui