Estrattori d'aria

Per una coltivazione indoor, un estrattore d’aria rappresenta uno strumento molto importante, dal momento che contribuisce al ricircolo di aria e quindi alla salubrità della stessa. Si tratta di un dispositivo che, in base alla portata d’aria e in funzione della tipologia, si può impiegare in tanti ambienti diversi e in una grande varietà di contesti: è sufficiente modificare il livello di ossigenazione degli ambienti e il ricambio. In vista della scelta di un estrattore, occorre pensare prima di tutto al tipo di uso che si ha intenzione di farne. Occorre, poi, tenere conto della volumetria del locale, perché solo così si può essere certi di scegliere un prodotto con un livello di potenza adeguato.

Le funzionalità di un estrattore di aria

Le colture indoor hanno bisogno di una specifica attenzione per riuscire a crescere in maniera appropriata. In mancanza delle dovute precauzioni, è probabile che anche il minimo squilibrio metta a repentaglio l’intera coltivazione. Un estrattore di alta qualità favorisce la sopravvivenza e la proliferazione delle piante. Gli estrattori aiutano ad assicurare il giusto ricircolo di aria nella grow box, e al tempo stesso promuovono il reintegro di anidride carbonica, che è molto importante dal punto di vista della fotosintesi.

A cosa serve

Usando gli estrattori di aria si ha la possibilità di regolare diversi parametri che sono decisivi per coltivare in una grow box: la temperatura, per esempio, ma anche l’umidità e il giusto rapporto fra la quantità di ossigeno e quella di anidride carbonica, che occorre per il processo di fotosintesi clorofilliana. Se l’aria viene aspirata e portata all’esterno della grow box, grazie a un estrattore è possibile dare ossigeno alle piante. Questo è un aspetto da non sottovalutare, soprattutto perché così si possono prevenire ristagni di aria che potrebbero risultare decisamente pericolosi, in quanto in grado di favorire la diffusione di acari, muffe, altri parassiti e malattie.

Come scegliere il giusto estrattore di aria

A ben vedere sono molteplici le destinazioni d’uso possibili per gli Aspiratori aria, che possono sì essere impiegati per coltivare le piante nelle grow box, ma anche per altri scopi. È il caso degli estrattori per cucina, degli aspiratori per cucina, degli aspiratori d’aria industriali e degli estrattori d’aria per bagno, senza dimenticare gli aspiratori d’aria silenziosi e gli aspiratori cassonati insonorizzati. La cucina, per esempio, è un ambiente in cui l’aria è viziata, a causa dell’odore degli alimenti e del calore che proviene dai fornelli a gas. Questo mette a repentaglio le condizioni igieniche, e così si rende necessario l’adozione di un estrattore per cucina.

Estrattore d’aria per grow box: consigli per gli acquisti

Quando si decide di comprare un estrattore per la coltivazione in serra o per la grow box è indispensabile accertarsi di scegliere un prodotto che, dal punto di vista della potenza, sia proporzionato al contesto di destinazione; e, ovviamente, anche le dimensioni devono essere adeguate al luogo di coltivazione. Il volume di aria che viene estratta in tutte le coltivazioni indoor deve essere superiore rispetto al volume in ingresso. Il meccanismo di funzionamento a dir la verità è piuttosto semplice: l’aria viene prima aspirata dentro la grow box, per poi essere espulsa all’esterno attraverso il tubo di estrazione; dopodiché, aria nuova entra nella grow box grazie alla ventola in basso.

Dove comprare un estrattore d’aria

Se si ha intenzione di acquistare un estrattore d’aria ci si può rivolgere a Grow Shop Italia, uno store online che si occupa della vendita e della fornitura di materiale per la coltivazione, non solo al chiuso ma anche outdoor. In questo e-commerce, inoltre, si possono trovare prodotti per la coltivazione idroponica, concimi biologici e fertilizzanti, grow box e antiparassitari preventivi: un vasto assortimento in grado di soddisfare le esigenze più diverse.

Suggerimenti per l’uso di un estrattore d’aria

Gli estrattori d’aria devono essere sempre collocati sopra le coperture delle grow box, e quindi al di sopra delle coltivazioni, dal momento che l’aria che bisogna espellere è quella più calda, che va verso l’alto. Nel caso in cui si scelga di impiegare un ventilatore interno per favorire il ricircolo di aria è bene avere l’accortezza di non puntarlo direttamente contro le piantine.

Quotidiano indipendente online di ispirazione ambientalista, femminista, non-violenta, antirazzista e antifascista.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui